Allevarli costa troppo, la Cina inaugura la clonazione dei cani poliziotto

Giovedì 21 Marzo 2019 di Giampiero Valenza
Il cane lupo Kunming
I cani poliziotti costano troppo. Così in Cina li clonano. Si chiama Kunxun, ha 3 mesi, ed è il primo agente clone della polizia di Kunming, nella provincia dello Yunnan. Lui è una copia di Huahuangma, di 7 anni, che appartiene alla polizia di Pu’er e che dal Ministero della Pubblica sicurezza, nel 2016, è stata riconosciuta come “cane meritorio di prima classe” per i suoi contributi alle indagini su casi di omicidio.

Entrambi sono della razza lupo di Kunming, un lupo “made in China”. Intelligente e fiero, ha un grande attaccamento verso il padrone ed è diffidente verso gli estranei. Per questo è indicato come ottimo cane poliziotto o da difesa.

A riportare la notizia è il quotidiano cinese Global Times che, secondo un rapporto del Science and Technology Daily, spiega come ci vorrebbero 4 o 5 anni per addestrare un cane come Huahuangma, e che può arrivare costare anche 500.000 yuan (oltre 65.000 euro).

Kunxun è nato il 19 dicembre 2018 in una base sperimentale della Sinogene Biotechnology Company di Pechino e della Yunnan Agricultural University con il supporto del Ministero stesso.

Il suo Dna è al 99,9% simile a quello di Huahuangma. Secondo Zhao Jianping, vice direttore generale della Sinogene, la nascita di cani poliziotti clonati ridurrà significativamente il tempo necessario per il loro addestramento, anche se Kunxun sarà pronto ad entrare nel corpo di polizia quando compirà il suo decimo mese. © RIPRODUZIONE RISERVATA