Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uccisa Luisa, la mucca evasa dell'allevamento. Gli animalisti: «Le hanno sparato in testa»

Martedì 7 Giugno 2022 di Remo Sabatini
Luisa, la mucca latitante uccisa con un colpo in testa (immag social diffusa, tra gli altri, da Corriere Adriatico)

Un colpo in testa e via. Così, nel peggiore dei modi, la vicenda di Luisa è stata archiviata. Luisa era una mucca. Francese, era evasa dalla stalla di una fattoria situata lungo la provinciale tra Osimo e San Paterniano, nelle Marche. Una fuga durata più di due mesi che l'aveva portata a riscoprire il fresco dei boschi, prima, la tenerezza dei giardini curati e delle coltivazioni, poi. Colpe che, sommate all'evasione, ne hanno determinato la condanna pagata, in queste ore, con la vita.

A seguito dei falliti tentativi di cattura, infatti, l'Asur di competenza aveva lanciato un allarme che, trascritto dalle istituzioni locali, si è tradotto con un proiettile in testa. Tutto, con buona pace di chi, animalisti e simpatizzanti, avevano sperato in una grazia che non è arrivata. «Tanto, ha commentato qualcuno, era destinata comunque al macello». Luisa, aveva un anno e mezzo. 

 

Ultimo aggiornamento: 13:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA