Comune sciolto per infiltrazioni,
minacce al capogruppo di minoranza

Venerdì 23 Ottobre 2020

Tensione alle stelle a Pratola Serra dopo lo scioglimento del Consiglio dei Ministri per ingerenza della criminalità organizzata nella vita amministrativa. Una lettera di minacce è stata fatta recapitare al capogruppo di opposizione Gerardo Galdo, che in più occasioni aveva denunciato le attività portate avanti dall'amministrazione guidata da Emanuele Aufiero e nel precedente mandato dal fratello Antonio Aufiero. Il gruppo di minoranza SiAamo Pratola Serra denuncia: “A distanza di sole poche ore dallo scioglimento del consiglio comunale di Pratola Serra, sono presto arrivate le intimidazioni. È stata recapitata una lettera di minacce, neanche troppo velate, presso l’abitazione del nostro capogruppo Gerardo Galdo. Frasi indicibili che non risparmiano nessuno del nostro gruppo politico. Le minacce recapitate, infatti, sono dirette anche a chi, in questi anni, ci ha sostenuto e si è schierato a viso aperto e con coraggio con noi. Ancora una volta, siamo stati accusati di essere il male del paese, di essere portatori di odio, traditori ed infami. Non facciamo neanche ipotesi sull’autore o sugli autori di tale ignobile gesto, ma vogliamo chiarire che se di intimidazione si è trattata, è stato sbagliato sicuramente indirizzo. L’avvertimento, infatti, è di tacere e pensare agli affari nostri, ma l’omertà non ci appartiene proprio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA