Inzaghi incendia il Benevento: «Prova
di forza contro la Juve Stabia»

Venerdì 8 Novembre 2019 di Gianrocco Rossetti
È stata una giornata abbastanza intensa quella registrata ieri in casa Benevento. La formazione giallorossa, al termine della mattinata, ha dovuto traslocare dal «Vigorito» per lasciar spazio alla nazionale azzurra femminile che oggi vi affronterà la Georgia. I magazzinieri hanno svuotato gli spogliatoi e Inzaghi ha predisposto la rifinitura di quest'oggi sul rettangolo verde del centro sportivo Avellola, dove Maggio e compagni inizieranno anche a entrare in contatto con un fondo in erba sintetica, come quello sul quale giocheranno domani pomeriggio al «Menti» contro la Juve Stabia (inizio alle 15).

LEGGI ANCHE Benevento in fuga, sale la febbre per il derby con la Juve Stabia

Lo stesso Inzaghi, nel corso della conferenza stampa di presentazione del derby, ha lanciato il suo augurio alle azzurre. «La presenza della nazionale femminile deve essere un grande orgoglio per Benevento, per il club e i suoi tifosi. Seguo con piacere il calcio femminile perché è in una fase di grande crescita ed ha fatto passi da gigante. Faccio il mio in bocca al lupo alle azzurre per il match contro la Georgia». Pochi istanti prima il tecnico dei giallorossi era stato piacevolmente interrotto dal patron Vigorito che ha fatto capolino in sala stampa accompagnato da Mauro Balata. Il presidente della Lega di serie B, prima della riunione del direttivo che si è tenuta all'Una Hotel Il Molino, ha colto l'occasione per salutare Inzaghi a cui ha augurato le migliori fortune. In precedenza l'allenatore del Benevento si era espresso sul match di domani a Castellammare di Stabia con una speranza che è sembrata anche un monito per la sua squadra: «Vorrei che il Benevento desse un'altra prova di forza. Dopo quanto di buono abbiamo fatto vedere con Cremonese e Empoli, non sarebbe giusto fare un passo indietro».

LEGGI ANCHE Italia-Georgia calcio femminile, 4 mila biglietti gratis alle scuole

In effetti, nel doppio turno casalingo la formazione giallorossa ha mostrato i denti al campionato e con le unghie ha graffiato la classifica. «Guardo solo la terza piazza, perché le prime due vanno direttamente in serie A. Oggi i terzi sono a sei punti di distacco ed è quel che conta. Siamo chiamati a proseguire il cammino intrapreso, senza tentennamenti. Lo ammetto, non pensavo che il mio lavoro e quello dello staff potesse dar frutti così velocemente. Aggiungo anche che vedo pure margini di crescita per il Benevento, quindi sono molto ottimista. Ma nello stesso tempo dobbiamo avere tutti la consapevolezza che non abbiamo fatto nulla. I frutti si raccoglieranno solo a maggio, non adesso. Ora è solo il momento di dare sempre il massimo. In questo senso mi sento tranquillo, perché vedo lavorare bene la squadra. È un grande gruppo. Spero che al Menti' dimostriamo sul campo di stare bene mentalmente. Per quanto riguarda la brillantezza fisica mostrata recentemente, oltre che per la dedizione dei calciatori in allenamento, devo fare i complimenti anche al mio staff che è esemplare nel lavoro quotidiano. Ma anche per loro vale lo stesso discorso: dobbiamo migliorarci giorno per giorno, senza pensare di aver già ottenuto il nostro obiettivo».

Inzaghi oltre alla carota ha anche mostrato il bastone ai suoi ragazzi. «Nelle gare in trasferta c'è ancora tanto da migliorare. Soltanto della partita disputata a Salerno posso ritenermi completamente soddisfatto. Era un derby quello e sarà un derby contro la Juve Stabia. Sarà una partita difficile, perché loro in casa sono aggressivi e sfruttano le caratteristiche del campo che conoscono bene. Tuttavia, non mi lascerò influenzare nelle mie scelte dal sintetico su cui giocheremo. Sceglierò, come sempre, chi mi dà le migliori garanzie, consapevole che ho una vasta scelta. Solo in quattro hanno dovuto giocare praticamente sempre ma, per il resto, tutti i calciatori della rosa hanno trovato ampio spazio, segno che ho un organico ben composto. La squadra è consapevole dell'importanza di questa partita. Sono certo che faremo una buona prestazione, ma per vincere ci vorrà lo spirito visto con Cremonese e Empoli. Se sarà leggermente al di sotto, andremo incontro a complicazioni. Dopo ci sarà la sosta e avremo modo di recuperare le energie fisiche e mentali».

Parentesi finale nella quale Inzaghi ha comunicato il recupero di Armenteros che sarà regolarmente a disposizione tra i convocati che verranno diramati oggi e dai quali dovrebbe mancare il solo Volta. Intanto restano circa 200 biglietti ancora invenduti per il settore ospiti del «Menti».
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA