Ondata di calore, boom di accessi
ai Pronto soccorsi ospedalieri

di Luella De Ciampis

0
  • 234
Aumentati del 20% gli accessi in pronto soccorso all'ospedale Rummo e al Sant'Alfonso Maria dei Liguori, a causa del caldo torrido degli ultimi giorni, mentre, almeno per ora, sono in linea con gli accessi giornalieri quelli del Fatebenefratelli, ma il picco massimo deve ancora arrivare. Infatti, il caldo, dopo una piccola tregua, è in aumento. Il picco in città e provincia sarà raggiunto nelle giornate di oggi, quando si prevede che la colonnina di mercurio toccherà i 39 gradi, e di domani, in cui si sfioreranno i 40 gradi, con un tasso di umidità che raggiungerà il 36%. La morsa della canicola comincerà poi ad allentarsi da mercoledì, stabilizzandosi sui 32 gradi per il resto della settimana. Un aumento eccessivo delle temperature che diventa direttamente proporzionale a quello dei ricoveri in ospedale, soprattutto per le fasce più a rischio, vale a dire quelle di pazienti anziani con patologie a carico dell'apparato respiratorio, di cardiopatici, di persone allettate per malattie neurologiche (demenza, pregressi ictus) nei quali è più frequente la disidratazione, anche per le fisiologiche alterazioni del senso della sete, che induce gli anziani a bere poco. In tutti questi pazienti «fragili» le alte temperature possono perciò scompensare stati cronici sottostanti, con la necessità di ospedalizzazione.


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 11 Agosto 2019, 11:58 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2019 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP