Provincia, consiglio d'urgenza:
stoccate e sit in lavoratori Samte

Lunedì 26 Agosto 2019 di Paolo Bontempo
Alle 15 si terrà il consiglio provinciale per respingere il progetto di stoccaggio di ecoballe presso lo Stir di Casalduni ma non mancano le polemiche. Secondo il consigliere provinciale del Pd Giuseppe Ruggiero siamo alla teatralità della politica. «Di Maria ha dichiarato - ha convocato il consiglio straordinario per contrastare la volontà della Sapna di portare 16.500 ecoballe a causa del fermo del termovalorizzatore di Acerra, senza spiegarci cosa sia successo nella riunione del 9 agosto in cui a leggere i documenti si assunsero decisioni in merito e in cui erano presenti rappresentanti sanniti. Intanto il settore è sotto una chiara speculazione degli operatori e per cui a pagare sono unicamente i cittadini sanniti, considerato che sono arrivate alle stelle i costi per lo smaltimento dell'indifferenziato e dell'umido. È evidente che l'attuale situazione può essere attribuita unicamente all'attuale governance di centrodestra che regge gli assetti della Provincia, del Comune di Benevento e all'Ato rifiuti».
 
All'appello lanciato da Di Maria, che ha invocato l'attivazione di un tavolo di confronto e, nel contempo, la mobilitazione politico-istituzionale a tutti i livelli di responsabilità per la difesa del territorio per impedire il conferimento di 20 mila tonnellate di rifiuti, ha risposto il commissario provinciale di Forza Italia, Domenico Mauro che ha invitato i responsabili dil Pd, Fd'I, Lega, Leu e Sel-Si, a una posizione unitaria e condivisa a sostegno di una battaglia di civiltà, di rispetto e di democrazia. «A mio avviso dice Mauro tutte le iniziative sono lodevoli, ma diventa strategico superare il limite degli interventi singoli e personali per trovare un'intesa trasversale e, far capire che il Sannio in questi ultimi 15 anni ha pagato e sta pagando, per la fase postmortem delle discariche un costo salatissimo in termini di solidarietà e che assai spesso questi nostri sacrifici non sono stati né apprezzati, né ricompensati». Dal canto suo, Federico Paolucci di Fratelli d'Italia chiederà che il consiglio adotti una delibera per interessare la Procura della Repubblica al fine di chiedere il sequestro del sito di Casalduni inutilizzabile. Parteciperanno al consiglio provinciale anche Pasquale Iacovella, presidente dell'Ato e sindaco di Casalduni, e il sindaco Luigi Facchino e il vice Raffaele Caputo di Fragneto Monforte. Alle 9,30, intanto, davanti alla Rocca dei Rettori e alla Prefettura si terrà il sit-in dei lavoratori della Samte per la deroga alla cassa integrazione.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA