Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

13mila bufale abbattute nel Casertano:
«De Luca cambi il piano di eradicazione»

Lunedì 8 Agosto 2022
13mila bufale abbattute nel Casertano: «De Luca cambi il piano di eradicazione»

Tredicimila bufale con sospetta brucellosi e tbc abbattute dall'inizio dell'anno, a fronte di undici capi probabilmente salvati dal vaccino. A mettere a confronto i due dati sono gli allevatori del Casertano riuniti nel coordinamento a difesa del patrimonio bufalino, che continuano a criticare la regione Campania, che a loro parere prosegue nella fallimentare strategia basata sugli abbattimenti dei capi sospetti, che ha già portato negli ultimi dieci anni all'abbattimento di 140mila bufale campane, delle quali solo l'1,4%,è emerso da analisi post mortem, era effettivamente malato di brucellosi e tbc bufalina.

«Dall'inizio dell'anno, in sette mesi - si legge in una nota del Coordinamento - sono state già ammazzate 13.000 bufale, continuando con il metodo fallimentare seguito in questi anni. A De Luca chiediamo cosa serve festeggiare per il vaccino a 11 animali? Mentre la regione si attarda in un ottuso e inspiegabile rifiuto di incontro, la crisi diventa ogni giorno più pericolosa e può esplodere. C'è poco da nominare un commissario, c'è da cambiare il piano e da proporne agli allevatori uno che funzioni» ribadisce la nota. Gli allevatori dunque chiedono ancora, come avviene da mesi, che la regione ritiri il piano di eradicazione di brucellosi e tbc, varato nel marzo scorso, per attuare una campagna di vaccinazione a tappeto in tutti gli allevamenti, non solo in quelli ufficialmente indenni come stabilisce il piano.

Una previsione, quest'ultima, che a detta degli allevatori limita di molto la pratica della vaccinazione, perché nell'area cluster delle due malattie, ovvero i quattro comuni del Casertano dove si registra la massima concentrazione di allevamenti della bufala campana e dove i due batteri circolano in modo rilevante, di allevamenti indenni ce ne sono pochissimi. Intanto alla festa della mozzarella tenutasi nello scorso weekend a Cancello a Arnone, comune dell'area cluster, sono stati distribuiti oltre diecimila volantini che hanno ricordato come la mozzarella è possibile per il lavoro nostro e dei casari artigianali e per il regalo del latte che tutti i giorni ci fanno gli animali. 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA