Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carcere, per poliziotto penitenziario
revocato l'obbligo di dimora

Giovedì 2 Giugno 2022
Carcere, per poliziotto penitenziario revocato l'obbligo di dimora

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha revocato la misura dell'obbligo di dimora per il poliziotto penitenziario 49enne Raffaele Piccolo, imputato nel processo a carico di 108 agenti e funzionari del dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria (Dap) per i pestaggi e le violenze a carico dei detenuti avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere il 6 aprile 2020.

Piccolo era finito agli arresti domiciliari il 28 giugno dello scorso anno nell'ambito del maxi-blitz dei carabinieri che avevano notificato 52 misure cautelari emesse dal giudice per le indagini preliminari di Santa Maria Capua Vetere (diciotto ordinanze ai domiciliari, otto in carcere, 23 sospensioni e tre obblighi di dimora). La maggior parte delle misure è cessata per scadenza dei termini nel dicembre scorso. In quella circostanza la Procura di Santa Maria Capua Vetere aveva presentato istanza di proroga dei termini custodiali al giudice per l'udienza preliminare Pasquale D'Angelo, che però l'aveva respinta disponendo solo obblighi di dimora per una ventina di agenti, tra cui Piccolo; la Procura ha poi fatto appello al Riesame, che ne discuterà l'otto giugno prossimo. Nel frattempo l'avvocato Mariano Omarto, legale di Piccolo, circa un mese fa ha poi chiesto al gup la revoca dell'obbligo, ritenendo non più sussistenti le esigenze cautelari, ma il giudice l'ha respinta, e così il professionista si è rivolto al Riesame di Napoli, che ha dunque rimesso in piena libertà Piccolo, ritenendo escluso il pericolo di reiterazione del reato, anche perché Piccolo è tuttora sospeso dal servizio in via amministrativa. Martedì sette giugno si torna in aula per l'udienza preliminare davanti al gup D'Angelo, che dovrà decidere se rinviare a giudizio 105 imputati, visto che nel frattempo altri tre hanno scelto la strada dell'abbreviato.

Ultimo aggiornamento: 11:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA