Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

FlixBus potenzia la flotta e le rotte: Caserta diventa un hub strategico

Sabato 21 Maggio 2022 di Fabrizio Arnone
FlixBus potenzia la flotta e le rotte: Caserta diventa un hub strategico

Sono oltre cento le località collegate con la città di Caserta dopo il potenziamento delle rotte degli autobus di FlixBus. La città, di fatto, si riconferma una destinazione di spicco nella rete dei FlixBus nel Sud Italia, oltre che un nodo strategico sulle rotte del turismo domestico e non solo. Non solo destinazioni con altre città italiane e internazionali, ma anche un potenziamento della rete interna alla regione Campania.

Oltre alle rotte già attive con Napoli, Salerno, infatti, a partire dal 9 giugno saranno operative anche le rotte con Avellino. In questo modo sarà ancora più semplice per chi arriva magari dall'estero, muoversi tra le bellezze e le meraviglie storiche e paesaggistiche della Campania. La presenza della fitta rete di autobus aumenta notevolmente le possibilità offerte ai cittadini di spostarsi anche tra le città della propria regione, oltre che raggiungere ad esempio l'aeroporto di Capodichino. Proprio quest'ultimo, infatti, raggiungibile in autobus da Caserta in appena mezz'ora, rappresenta una valida alternativa di mobilità pratica ed efficace all'auto privata. Si innalza, inoltre, la frequenza sulle rotte con le altre grandi città italiane: Roma è raggiungibile fino a 7 volte al giorno, Firenze fino a 6 volte e Bologna fino a 3. Fra le altre grandi città collegate con Caserta senza cambi, si possono citare poi Milano, Torino, Genova, Venezia, Bari, Cosenza e Reggio Calabria. Fra Caserta e molte di queste città sono operative anche comode corse notturne, che permetteranno a chi si sposta di risparmiare tempo e soldi.

Restano attive inoltre le tratte con città di interesse culturale come Ravenna e Siena, centri universitari rinomati come Padova o Perugia e destinazioni turistiche di richiamo come Rimini, Ostuni e Gallipoli, a cui si se ne aggiungeranno da giugno varie altre, fra cui Catanzaro Lido e Le Castella, in Calabria. Le fermate FlixBus sono in viale Ellittico, presso la stazione ferroviaria di Caserta, e a Casagiove. Ventisei in totale le località collegate in Campania con le tratte degli autobus. Il consolidamento di FlixBus in Campania rientra nell'ambito dell'estensione perseguita a livello nazionale, con una rete di collegamenti che si estende dalla Val d'Aosta alla Sicilia. Nella pianificazione della rete, è stato adottato un approccio alla pianificazione fortemente intermodale: focalizzandosi sui collegamenti con le autostazioni e stazioni cittadine e gli aeroporti, FlixBus si ispira alla visione di una grande rete di mobilità integrata in cui l'uso combinato di più mezzi collettivi si sostituisca a quello dell'auto, con benefici per l'ambiente.


In particolare, la possibilità di sinergie modali col trasporto pubblico locale presso le autostazioni e le stazioni ferroviarie cittadine consentirà ai visitatori di esplorare con facilità le aree attigue senza ricorrere alla propria auto privata, in linea con l'ideale di un turismo lento e di prossimità, caratterizzato da un impatto ambientale ridotto e da un approccio immersivo al viaggio.

Il consolidamento di FlixBus in Campania rientra nell'ambito dell'estensione perseguita a livello nazionale, con una rete di collegamenti che si estende dalla Val d'Aosta alla Sicilia. Come sempre, nella pianificazione della rete, è stato adottato un approccio alla pianificazione fortemente intermodale: focalizzandosi sui collegamenti con le autostazioni e stazioni cittadine e gli aeroporti, FlixBus si ispira alla visione di una grande rete di mobilità integrata in cui l'uso combinato di più mezzi collettivi si sostituisca a quello dell'auto, con benefici per l'ambiente. In particolare, la possibilità di sinergie modali col trasporto pubblico locale presso le autostazioni e le stazioni ferroviarie cittadine consentirà ai visitatori di esplorare con facilità le aree attigue senza ricorrere alla auto privata, in linea con l'ideale di un turismo lento e di prossimità, caratterizzato da un impatto ambientale ridotto e da un approccio immersivo al viaggio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA