Giorgetti: sforare il 3% si può se si tratta di mettere in sicurezza l'Italia

Giorgetti: sforare il 3% si può se si tratta di mettere in sicurezza l'Italia
ARTICOLI CORRELATI
«Sforare il 3%? Se è necessario per mettere in sicurezza il Paese, anche sì. Credo che sia interesse anche dell'Europa». Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti alla Versiliana di Marina di Pietrasanta dove si svolge la festa del Fatto.

«Il fatto che negli ultimi 20 anni - ha aggiunto Giorgetti - non si siano fatti più investimenti seri, soprattutto per il mantenimento delle infrastrutture di questo Paese, rende indispensabile e urgente mettere mano non solo ai ponti, ma anche a scuole, edifici pubblici a rischio, situazioni per cui dobbiamo intavolare con la Ue un negoziato serio».

«Quello che è certo è che non siamo assolutamente soddisfatti di come sta andando l'economia, abbiamo ambizione, qualcuno dirà la temerarietà, di portare l'Italia a un tasso di sviluppo sopra il 2-3%. Soltanto con lo sviluppo dell'economia si può affrontare il rilancio dello Stato», ha spiegato.


ll sottosegretario ha parlato anche dell'inchiesta sui fondi della Lega e de
ll'ipotesi che il 5 settembre il tribunale del riesame possa decidere di sequestrare tutti i soldi del partito: «Se tutti i futuri proventi che arrivano alla Lega vengono sequestrati, è evidente a quel punto che il partito non può più esistere, perché non ha più soldi. Questo se dovesse esserci questa interpretazione da parte della magistratura, che non contestiamo in quanto tale, ma perché frutto di una decisione su una sentenza non definitiva. Se fosse dopo la Cassazione non avrei nulla da dire».
Venerdì 31 Agosto 2018, 16:34 - Ultimo aggiornamento: 31-08-2018 20:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP