Salva-Stati, Conte a Salvini: «Delira, era al tavolo a sua insaputa». La replica: «Bugiardo»

Mercoledì 20 Novembre 2019
Salva-Stati, Conte a Salvini: «Delira, era al tavolo a sua inaputa». La replica: «Bugiardo»

La riforma del meccanismo salva-Stati riporta il dibattito tra maggioranza e opposizione ai livelli di guardia con il premier e il leader della Lega che affilano i coltelli. Giuseppe Conte, chiamato a riferire in Parlamento il prossimo 10 dicembre, sembra essere tornato ad agosto, quando sfoderava la sua verve polemica contro l'alleato che faceva cadere il governo. Si scaglia contro Matteo Salvini con una inusuale forza dandogli dell' «irresponsabile» per aver sollevato un «delirio collettivo» su un argomento che la Lega di governo aveva ampiamente condiviso in vertici di maggioranza e «con i massimi esponenti» del Carroccio. 

Suso fa gol a Salvini: la sinistra italiana riparte dall'attaccante milanista

Ora, attacca il Presidente del Consiglio, c'è chi «scopre» di essersi seduto al tavolo «a sua insaputa» o «non avendo capito quel che si era studiato». In questo modo, è l'attacco definitivo, non si fa «un'opposizione seria, credibile» in difesa degli interessi nazionali ma solo «sovranismo da operetta». La replica, neanche a dirlo, è altrettanto velenosa. «Il signor Conte è bugiardo o smemorato. Se fosse onesto direbbe che a quei tavoli, così come a ogni dibattito pubblico, compresi quelli parlamentari, abbiamo sempre detto di no al Mes. Non è difficile da ammettere» ribatte Salvini. 
 


Ma dal governo contestano anche questa ricostruzione e invitano ad andare a rileggere le dichiarazioni della Lega in proposito. Di certo in tutto questo marasma quel che colpisce è la tempistica. Se è vero che la riforma dell'Esm, o Mes come la si chiama in Italia, sarà al centro del prossimo Eurogruppo di dicembre dove lo stesso vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis si augura di poter «raggiungere un accordo», è anche vero che l'ultimo vero dibattito in Italia, se si fa eccezione per alcune audizioni, risale alla scorsa estate. «Da marzo a giugno 2019 abbiamo avuto 4 vertici di maggioranza coi massimi esponenti della Lega, in cui abbiamo discusso di Mes, delle fasi di avanzamento del negoziato e tutti i risvolti. 

Alitalia, salta la cordata. Atlantia: «Non ci sono le condizioni per far partire il consorzio»
Alitalia e la scelta del partner industriale: chi sono Delta e Lufthansa

Oggi si scopre l'esistenza del Mes e si grida allo scandalo» sottolinea Conte. E Salvini controbatte: «Ho sempre detto a Conte e Tria che non avevano mandato a trattare. Se qualcuno l'ha fatto, l'ha fatto tradendo il mandato del popolo italiano». Ma l'ex ministro del Tesoro, Giovanni Tria, ha già dato la sua versione sulla stampa: dice di aver combattuto «una battaglia durissima» per evitare l'inserimento di regole fisse sulla sostenibilità dei debiti di Paesi e che alla fine «i parametri fissi sono stati eliminati» dalle bozze di accordo. E il suo successore conferma: la riforma non introduce «in nessun modo la necessità di ristrutturare preventivamente il debito per accedere al sostegno finanziario. Effettivamente, all'inizio del negoziato alcuni paesi lo avevano chiesto» ma, «anche grazie alla ferma posizione assunta dall'Italia, queste posizioni sono state respinte». Insomma, taglia corto Roberto Gualtieri:«il dibattito di questi giorni su questo argomento è senza senso».

Interviene anche Bankitalia, chiamata in causa da alcuni deputati secondo i quali avrebbe espresso preoccupazioni sulla revisione del trattato. «Il governatore Visco non ha espresso un giudizio sfavorevole sulla riforma del Mes» sottolinea palazzo Koch che conferma: la riforma non prevede nè preannuncia «un meccanismo di ristrutturazione dei debiti sovrani». La questione intanto agita anche il M5s dopo la richiesta fatta a Di Maio dai deputati di adoperarsi per convocare un vertice di governo. La riunione è stata accordata, si terrà venerdì mattina molto presto, ma sul capo M5s è piovuta l'accusa di aver teso un sgambetto al premier, e per di più andando dietro a Salvini. Di Maio nega e il M5s lo appoggia: «eravamo e continuiamo a essere contrari all'affidamento al Mes di compiti di sorveglianza macroeconomica degli Stati membri». Una posizione rimasta agli atti visto che a giugno il blog M5s tuonava contro la riforma e chiedeva a Conte di porre il veto. Anche per questo un sottosegretario M5s assicura: «questa riforma non passerà o il gruppo parlamentare non lo teniamo più».
 

Ultimo aggiornamento: 21 Novembre, 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA