Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La madre si lamenta delle patatine fritte troppo fredde, il figlio uccide dipendente del McDonald's

Il 23enne Matthew Webb, è deceduto dopo ore di agonia a seguito delle ferite riportate nel corso di una sparatoria

Sabato 6 Agosto 2022 di Alessia Strinati
La madre si lamenta delle patatine fritte troppo fredde, il figlio uccide dipendente del McDonald's

La mamma si lamenta perché le patatine fritte sono fredde e il figlio uccide il dipendente del McDonald's. Il 23enne Matthew Webb, è deceduto dopo ore di agonia a seguito delle ferite riportate nel corso di una sparatoria nel quartiere di Brooklyn, a New York.

Leggi anche > Sorelle trovate morte in un appartamento: i corpi erano in decomposizione

Un uomo ha deciso di punire il dipendente del fast food dopo che la mamma si sarebbe lamentata per le patatine troppo fredde. Il giovane di 20 anni, Michael Morgan, stava facendo una videochiamata con la madre quando la donna ha espresso la sua opinione sul cibo. In tutta risposta il figlio è andato nel punto vendita dove la donna aveva acquistato le patatine e ha prima picchiato e poi sparato al 23enne. 

 

La vittima è stata colpita al lato del collo ed è stata trasportato in condizioni critiche al Brookdale University Hospital dove però è morto poco dopo. La polizia ha subito fermato il 23enne, accusato di omicidio  e di possesso illegale di un'arma. In manette è finita anche la compagna dell'assassino che avrebbe provato a nascondere la pistola subito dopo la sparatoria. 

Ultimo aggiornamento: 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA