Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Annalisa e Cora scomparse da 15 giorni, a Lecco il giallo di mamma e figlia: l'ipotesi fuga, il cadavere in Slovenia e il tatuaggio

L'ex marito ha denunciato la scomparsa, la loro situazione era seguita dai servizi sociali. A Capodistria si indaga per la correlazione con un cadavere, ma la bambina non si trova

Sabato 2 Aprile 2022
Annalisa e Cora scomparse da 15 giorni, a Lecco il giallo di mamma e figlia: l'ipotesi fuga, il cadavere ritrovato in Slovenia e il tatuaggio

Sparite nel nulla, da 15 giorni. La storia di Annalisa, 39 anni, e sua figlia Cora è un giallo che per il momento non ha risposte. In Slovenia la pista (per il momento senza conferma) di due corpi, un uomo e una donna che ha i tratti somatici della mamma scomparsa a Olgiate Molgora, in provincia di Lecco. Per il momento gli appelli e le ricerche sono andati a vuoto. La prima denuncia è stata presentata dall'ex marito e padre di Cora. La bambina (9 anni), che frequentava le scuole elementari, non si è presentata. Annalisa ha fatto perdere le sue tracce all'improvviso.

 

La Prefettura, una settimana dopo la scomparsa, ha diffuso le foto e pubblicato un avviso per aiutare le ricerche: «Si sono allontanate, da circa una settimana da Olgiate Molgora, la signora Annalisa L. con la minore Cora Z.Annalisa, classe 1983, è alta 1.75, corporatura esile, capelli castani ed occhi azzurri, presenta diversi tatuaggi in particolare uno raffigurante un serpente sul dito anulare della mano sinistra ed un altro sulla spalla destra. La piccola Cora, classe 2012, è alta circa 135 cm, pesa circa 35 Kg, corporatura esile, capelli lunghi di colore castano chiaro, occhi di colore azzurri, carnagione chiara. Chi può fornire contributi utili alle ricerche, è pregato di contattare il comando provinciale dei carabinieri di Lecco», si legge.

Maratona di Roma, è giallo: scomparso un atleta etiope, era il suo compleanno

Ucraina, attivista rapita a Melitopol: è giallo. Olga manifestava per la liberazione del sindaco Fedorov

L'ipotesi fuga

Il sindaco di Olgiate Giovanni Battista Bernocco ha spiegato che «madre e figlia vivono a Olgiate Molgora da circa due anni e confermo che la situazione famigliare di Annalisa fosse già nota ai servizi sociali». Si fa largo anche l'ipotesi della fuga, spiega "Lecco Today" che ha ricostruito la vicenda. Annalisa potrebbe aver deciso di far perdere le sue tracce, proprio per sfuggire all'attenzione dei servizi sociali, visto il pericolo di perdere la bambina. La donna, infatti, avrebbe dovuto presenziare all'udienza per l'affidamento, conteso dall'ex marito che ha presentato la denuncia. Ad avvalorare questa tesi, anche il fatto - emerso durante le indagini - che la mamma scomparsa aveva disdetto le utenze di casa. 

I cadaveri in Slovenia

A far temere il peggio sono i due corpi rinvenuti in Slovenia il 19 marzo scorso, pochi giorni dopo la scomparsa da Olgiate. Le autorità di Capodistria stanno collaborando con l'Italia sulla vicenda. «La donna - scrivono - ha occhi verdeazzurri, capelli leggermente ricci, corti e di colore chiaro. Alta circa 165 cm, ha un tatuaggio sulla scapola destra (caratteri cinesi che significano fortuna, prosperità, benedizione). L'uomo, anche lui con un taglio di capelli corto, colore castano, di corporatura media. Alto circa 175 cm, indossava una maglietta a manica corta, un cardigan blu a maniche lunghe blu e indossava un paio di jeans, taglia 32/34, con cintura pantalone in pelle, colore nero e calzini. Le scarpe ritrovate addosso sono della marca Puma».

Il cadavere somiglia molto ad Annalisa, ma manca all'appello il tatuaggio sulla mano, che però potrebbe essere semplicemente non essere stato riportato dalla polizia. Ma la domanda più importante che si pongono gli investigatori riguarda Cora. Se la donna morta fosse effettivamente Annalisa, che fine ha fatto Cora? Il giallo continua.

Ultimo aggiornamento: 3 Aprile, 19:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA