Ares gate, faro sul fallimento dopo il suicidio di Losito. Eva Grimaldi sentita in procura a Roma

Venerdì 19 Marzo 2021 di Marco Carta e Valentina Errante
Ares gate, faro sul fallimento dopo il suicidio di Losito. Eva Grimaldi sentita in procura a Roma

Adua del Vesco ha confermato al pm le pressioni subite dagli attori della Ares, da parte della società di produzione, e il ruolo centrale di Alberto Tarallo. Ma l'inchiesta sulla morte di Teodosio Losito, il produttore e sceneggiatore che si è impiccato a un termosifone, nella sua villa di Zagarolo, nel 2019, adesso sembra sempre più complessa e potrebbe intrecciarsi anche con il fallimento della società.

La procura di Roma, che coordina le indagini per istigazione al suicidio, punta a fare chiarezza sulla gestione della società che, a dicembre 2020, è stata oggetto della sentenza del Tribunale fallimentare. Debiti per un milione e mezzo, pretesi dai creditori. Una cifra relativamente bassa, a fronte del giro di soldi che gestito dalla società amministrata proprio da Losito, che, però, non deteneva quote. È un altro filone rispetto a quello che riguarda le presunte pressioni su attori e attrici della scuderia da parte della casa di produzione di Tarallo, socio di maggioranza e compagno di Losito.

 

Gf vip tra suicidi e veleni: litigano per i soldi di Losito il fratello e l'ex compagno

«La villa dei vip è piena di segreti». Fort Knox? «È a Collelungo», a Zagarolo conoscono tutti

 

 

Le pressioni

 

Nei giorni scorsi Adua Del Vesco, sentita in procura come testimone, ha confermato al pm di avere subito pesanti ingerenze e pressioni dalla casa di produzione che l'ha lanciata, ieri è stata la volta dell'attrice Eva Grimaldi, convocata dal pm Carlo Villani come persona informata sui fatti, per rispondere alle domande su ingerenze e pressioni che condizionavano la vita privata di chi era sotto contratto. Un atto istruttorio iniziato intorno alle 11 di mattina ed è terminato solo nelle prime ore del pomeriggio. Due giorni fa la prima ad essere convocata in procura è stata Adua Del Vesco, al secolo Rosalinda Cannavò. E l'attrice davanti al pm ha confermato quanto detto pubblicamente durante quella chiacchierata mandata in diretta dal Grande Fratello vip in una conversazione con l'altro ospite della casa, Massimiliano Morra. I due parlavano proprio della morte di Losito e la soubrette aveva affermato «Non vivevo più, se non fossi fuggita avrei fatto una brutta fine», sostenendo che Losito fosse stato indotto al suicidio. In quella circostanza la Del Vesco faceva riferimento alla figura di Tarallo e al suo ruolo di manipolatore. Nella chiacchierata «notturna» i due affrontato l'episodio del suicidio del produttore facendo riferimento a una sorta di setta. Tarallo veniva definito l'innominabile portatore del male e dell'energia negativa. Parole che sono costate all'attrice una querela per diffamazione da parte dei legali del produttore, ma che avrebbe ripetuto anche in procura. Al pm, infatti, avrebbe riferito della sua sofferenza e di come si sentisse controllata da Tarallo, delle pressioni subite e delle regole rigide da seguire, pena smettere di lavorare.

Di regole rigidissime aveva parlato anche l'attore Francesco Testi, sentito due giorni in procura, e fino al 2015 attore della scuderia Ares. Testi, in alcune interviste, ha raccontato che chi accettava di lavorare con la società di produzione doveva rinunciare ad «avere legami affettivi stabili» chiarendo, però, che si trattava di una scelta «consapevole» , nessun tipo di imposizione.

 

Eva Grimaldi

 

Eva Grimaldi, così come le persone ascoltate nei giorni scorsi è stata legata alla casa di produzione Ares, per molti anni, a seguirla erano Losito e Tarallo, fin dai primissimi anni della sua carriera. In alcune interviste aveva raccontato le regole rigide che doveva rispettare, anche dal punto di vista alimentare. Un sistema di lavoro in cui nulla era lasciato al caso, anche le comparsate tv.

 

Il fallimento

 

La Ares, società controllata al 65 per cento da Tarallo, al 30 da Armonia di Floriana Fiaschetti e al 5 per cento da Rti (Reti televisive italiane spa), società del gruppo Mediaset, è stata dichiarata fallita per un milione e mezzo di debiti pretesi da tre creditori in tutto. Una cifra molto bassa a fronte della compagine sociale e del giro di soldi che circolano intorno alle produzioni. È vero che dal 2016 gli affari non andavano più bene e la società non produceva più fiction di successo, ma non è stata semplicemente liquidata. All'esame della Guardia di Finanza adesso ci sono i conti e i bilanci. E ai testimoni viene chiesto anche se Losito subisse pressioni nella gestione della Ares che, di fatto amministrava, o se fossero a conoscenza di problemi economici. Il sospetto è che quella del fallimento sia stata una scelta.
 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 08:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA