Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimba muore a 2 anni nel torinese: «Dai medici diagnosi sbagliata». Uccisa da un'emorragia scambiata per gastrite

Giovedì 10 Maggio 2018
Bimba muore a 2 anni: «Dai medici diagnosi sbagliata». Uccisa da un'emorragia scambiata per gastrite

Oggi, probabilmente, si saprà qualcosa in più della morte della bambina morta a 2 anni venerdì scorso per un'emorragia cerebrale nel torinese. È prevista infatti per oggi l'autopsia disposta dalla procura di Torino sul corpicino della bimba, che i genitori - che abitano a Collegno - avevano portato all'ospedale di Rivoli spiegando che vomitava e non mangiava più.

Monza, bimba di tre anni muore soffocata da un acino d'uva

La mamma aveva raccontato di una caduta dal letto avvenuta due giorni prima, dalla quale però la piccola sembrava essersi ripresa: i medici l'avevano dimessa dopo averle diagnosticato una gastrite virale, ma il giorno dopo, per via di un peggioramento, i genitori l'hanno riportata in ospedale e solo allora i sanitari si sono accorti dell'emorragia. Trasferita d'urgenza al Regina Margherita di Torino, la bimba, già in coma, non ce l'ha fatta. Nella giornata di oggi, probabilmente si capirà meglio come sia accaduto.

Secondo le prime ricostruzioni dell’ospedale, l’esame neurologico risultava negativo e l’ematoma frontale era in via di evoluzione, scrive il Corriere della Sera. Il caso era stato perciò trattato come gastrite virale, uno dei tanti che accadono periodicamente. Quando però il giorno dopo la bimba è tornata in ospedale, i medici si sono accorti che non si trattava affatto di gastrite. Il pm Giulia Marchetti ha aperto un fascicolo sulla vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA