VINCENZO DE LUCA

Covid, De Luca: «Nel Dpcm ci sono ambiguità. Scuola? Governo ora fa come la Campania»

Domenica 18 Ottobre 2020
Covid, De Luca: «Nel Dpcm ci sono ambiguità. Scuola? Governo fa come la Campania»

Vincenzo De Luca commenta il nuovo Dpcm in collegamento con "Che Tempo che Fa": «Nella bozza ci sono elementi di grande ambiguità e cose a metà. L'asporto di cibo e bevande si intende esteso fino alle 24, purché non consumato nelle adiacenze, ma chi misura le adiacenze? Ci sono decisioni non chiare, ma vedremo. Ci sono cose che riguardano la scuola, hanno previsto di fare le cose che facciamo qui. Il Dpcm prevede la didattica a distanza: noi non abbiamo chiuso, ma abbiamo deciso di usare la Dad per due settimane, in presenza di una situazione pericolosissima». 

LEGGI ANCHE Vincenzo De Luca contro "Allauin", il video finisce sulla stampa inglese

Vincenzo De Luca difende la scelta di chiudere le scuole per due settimane in Campania. Il presidente della Regione Campania ha dichiarato: «Quando arrivi a 1.200 contagi al giorno devi intervenire in tutti i campi. Per la scuola abbiamo fatto cose straordinarie: abbiamo fatto il sierologico al 90% del personale scolastico, abbiamo distribuito i termoscanner alle scuole, abbiamo aumentato il trasporto pubblico. Abbiamo avuto un'attenzione straordinaria per il mondo dellla scuola, ma quando l'unità di crisi ti dà 800 contagi non puoi girarti dall'altra parte. Allora per evitare che diventino 2.000 devi intervenire».

E spiega: «Noi da maggio abbiamo aperto tutto in Italia. In questo contesto la Campania è la regione più fragile, perché abbiamo la densità abitativa più alta d'Italia. Se vogliamo salvarci noi dobbiamo decidere prima degli altri e in maniera più rigorosa». In conclusione, una battuta sulla sentenza del giudice sportivo su Juventus-Napoli: «Una sentenza limpida come una scodella di bagnacauda».

Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre, 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA