Esplode camioncino dei polli allo spiedo al mercato: almeno 20 feriti, quattro gravi

Mercoledì 5 Giugno 2019
Gela, esplode camion-bar al mercato: 20 feriti, 4 gravi

Venti persone sono rimaste ferite, quattro in maniera grave, a causa dell'esplosione di una bombola di gas in una rivendita di polli allo spiedo allestita su un furgone nel mercatino che si svolge settimanalmente a Gela, Sicilia. L'incidente è avvenuto questa mattina intorno alle 12.00 in via Madonna del Rosario, nei pressi della stazione centrale.

Le fiamme avrebbero causato ustioni sul 60% del corpo a due delle tre persone che lavoravano sul camioncino mentre la ragazza che operava con loro, oltre ad avere riportato estese bruciature, avrebbe perso l'uso di un occhio colpito da una scheggia dopo lo scoppio.

La bombola di gas sarebbe esplosa dopo avere preso fuoco, per cause ancora in fase di accertamento. L'onda d'urto e le fiamme hanno investito in pieno le tre persone che erano al lavoro sul furgone. L'incidente è avvenuto intorno a mezzogiorno, un'ora in cui il mercatino era particolarmente affollato. Alcuni testimoni hanno riferito di avere visto diverse persone fuggire con gli abiti in fiamme, prima di essere soccorse. Fino ad ora il bilancio ufficiale è di sette feriti, ma potrebbe essere destinato ad aumentare.   

 

​Marghera, esplode il furgone dei panini: quattro feriti, gravi due donne

Con il passare delle ore, le persone rimaste ferite, anche se in maniera meno grave, si sono recate in ospedale per farsi controllare dai medici. Fra loro c'è anche una donna all'ottavo mese di gravidanza che si trovava al mercato rionale a fare la spesa. Tutti i medici dell'ospedale Vittorio Emanuele di Gela in servizio e a riposo, sono stati mobilitati per aiutare i sanitari del pronto soccorso a far fronte all'emergenza scattata con l'arrivo degli ustionati.
 


​Il sindaco Lucio Greco si è recato prima sul luogo dell'esplosione e poi all'ospedale cittadino per accertarsi personalmente delle condizioni dei feriti. «Devo ringraziare tutto il personale del Vittorio Emanuele (l'ospedale di Gela ndr) perché nonostante le condizioni dell'ospedale ha fatto un ottimo lavoro e ha ben fronteggiato la situazione». La procura di Gela ha aperto un'inchiesta per accertare le cause del grave episodio. Una delle bombole sequestrate nel furgone appare letteralmente spaccata con un lungo squarcio verticale. 

Ultimo aggiornamento: 22:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA