Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incidente funivia Mottarone, Regione e gestori nel mirino. «Test sui freni il 3 maggio»

Martedì 25 Maggio 2021 di Claudia Guasco
Incidente funvia Mottarone, Regione e gestori nel mirino. «Test sui freni il 3 maggio»

dal nostro inviato

VERBANIA - I Carabinieri hanno lavorato per tutta la notte, fino all’alba, in cima al Mottarone. La cabina della funivia precipitata domenica mattina uccidendo quattordici persone si è disintegrata, raccogliere i reperti che dovranno aiutare i periti a dare una spiegazione alla tragedia è stato complicato. Ma ancor più difficile, raccontano i soccorritori, recuperare i corpi. Ora sono all’obitorio di Verbania, mentre tredici bare scure e una più piccola bianca sono allineate in attesa nell’agenzia mortuaria di fronte: «Non ci sarà alcuna autopsia. È bastato l’esame esterno dei corpi», dice il capo della Procura Olimpia Bossi.

Incidente funivia Mottarone, Eithan non ha danni cerebrali. «L'abbraccio del papà potrebbe averlo salvato»

INDAGINE TECNICA
Gli investigatori hanno raccolto testimonianze, stanno ricostruendo la catena di responsabilità e nelle prossime ore arriveranno le prime iscrizioni al registro degli indagati. «Vogliamo evitare sia iscrizioni inutili sia di ometterne altre», sottolinea Olimpia Bossi. In fase di valutazione da parte dei pm sono la posizione della Regione Piemonte e del Comune di Stresa, della società di gestione (la Ferrovie del Mottarone srl della famiglia Nerini), della ditta che ha fornito il materiale, di chi ha effettuato gli interventi di manutenzione e le verifiche periodiche. «Partiamo dall’evidenza, il cavo di trazione si è spezzato e il sistema di freni di sicurezza non ha funzionato», sintetizza il procuratore capo. Che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo, disastro colposo con messa in pericolo della sicurezza dei trasporti e lesioni gravissime. «Sarà una indagine tecnica e documentale e non sarà lampo, preferiamo muoverci con cautela. Dobbiamo capire quali sono i compiti, le rispettive sfere di competenza e accertare chi siano gli enti coinvolti», spiega. Questione non irrilevante quando si tratta di formalizzare i nomi degli indagati e infatti la sindaca di Stresa, Marcella Severino, si affretta a correggere le informazioni iniziali: «Mi sono confrontata ancora ieri sera con il segretario comunale, che è il nostro legale: il passaggio alla nostra amministrazione non è ancora completato, per cui la proprietà della funivia è ancora della Regione Piemonte».

Funivia Mottarone, il giallo della proprietà. La procura: «Freni non hanno funzionato»

Altro nodo da sciogliere, quello della revisione annuale affidata a una ditta di Gallarate e la manutenzione di competenza della Leitner, con sede a Vipiteno. La quale elenca tutti gli interventi effettuati nell’ultimo anno e mezzo sull’impianto del Mottarone, sottolineando che il più recente è avvenuto lo scorso 3 maggio e riguarda proprio le centraline idrauliche dei freni d’emergenza. Quelli che domenica non sono scattati, facendo scivolare a valle la cabina che si è schiantata contro il pilone di cemento per poi staccarsi precipitando per venti metri. I controlli «non distruttivi su tutti i componenti meccanici di sicurezza dell’impianto previsti dalla revisione quinquennale, in scadenza ad agosto 2021 sono stati anticipati dal 29 marzo all’1 aprile 2021 - prosegue la Leitner - Il 18 marzo 2021 prove di funzionamento dell’intero sistema d’azionamento; il 4 e 5 marzo lubrificazione e controlli dei rulli e delle pulegge delle stazioni». Infine il primo dicembre 2020 è stato eseguito il «finto taglio», prova che prevede una simulazione della rottura della fune traente e conseguente attivazione del freno d’emergenza: proprio quello che è avvenuto due giorni fa, con conseguenze sciagurate. Mentre il 5 novembre 2020 è stato fatto il controllo periodico magnetoinduttivo «delle funi traenti e di tutte le funi dell’impianto», una sorta di radiografia per verificare l’eventuale corrosione dei cavi. «Esito positivo», comunica la società, eppure il cavo si è tranciato di netto.

 

I FILMATI
Insomma, capire perché la fune d’acciaio trainante si è spezzata e il freno a ganasce non si è attivato sarà complesso, per questo verranno esaminati i documenti sequestrati presso la società Ferrovie Mottarone, compresi i report relativi alla revisione che per legge vanno trasmessi a un ufficio periferico del ministero dei Trasporti e delle infrastrutture. Accertamenti irripetibili verranno effettuati sul cavo, sulla cabina, sul sistema di bloccaggio, sulle procedure di revisione: la Procura nominerà come consulenti degli ingegneri meccanici del Politecnico di Torino, esperti in trasporti a fune altamente specializzati, e sta valutando di rivolgersi a un docente di metallurgia per l’analisi della fune trainante. E poi ci sono i filmati. I carabinieri hanno sequestrato le telecamere che riprendono partenza, arrivo e stazione intermedia della teleferica. Rivedranno, come un terribile film, tutti i video registrati domenica scorsa e nei giorni precedenti, per capire se emergano anomalie. «Uno scatto, seppur impercettibile, o una minima differenza rispetto all’andamento regolare può rivelare molte cose», riflette un investigatore.
 

Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA