Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lampedusa, sbarchi: Covid-hotel per i migranti. l'Italia: ricollocarli nella Ue

Martedì 11 Maggio 2021 di Cristiana Mangani
Lampedusa, sbarchi: Covid-hotel per i migranti. l'Italia: ricollocarli nella Ue

 Dopo oltre un anno e mezzo di fermo a causa della guerra in Libia, i trafficanti di esseri umani sono tornati in attività. E ora sulla fascia costiera occidentale, che va da Tripoli al confine con la Tunisia, ci sono tra i 50 e i 70 mila migranti pronti a imbarcarsi. L'Italia aspetta la nuova ondata e cerca di non farsi trovare impreparata. Da una parte c'è la ministra Lamorgese che spinge sull'Europa per riavviare l'accordo di Malta e sul premier per poter pianificare una accoglienza che sia adatta all'emergenza Covid, dall'altra c'è il Dipartimento per l'immigrazione diretto dal prefetto Michele Di Bari, che ieri ha inviato tre navi a Lampedusa per svuotare l'hotspot e far fare così la quarantena agli oltre duemila disperati arrivati nella giornata di domenica.

Vento forte - I primi 400 sono riusciti a imbarcarsi, ma le altre due navi inviate, sono bloccate in rada perché, nel frattempo si è scatenato un forte vento di Levante che ne impedisce l'attracco. «Sulla seconda nave erano pronti a salire 800 migranti e gli altri in quella successiva - spiega il sindaco di Lampedusa, Totò Martello - ma è intervenuto il cattivo tempo e si è fermato tutto». Il primo cittadino è persona estremamente collaborativa, ma ammette: «Quanti migranti ci aspettiamo? Il rapporto è del 100% in più dello scorso anno. In Europa andrebbe discusso il Global compact migranti dell'Onu, e invece continuiamo a parlare del fenomeno e non delle migrazioni».
Davanti a una situazione che potrebbe esplodere da un momento all'altro -, vista anche la posizione presa da Matteo Salvini che chiede di bloccare gli sbarchi, e da Giorgia Meloni che invoca il blocco navale -, il Viminale sta pressando sul governo affinché il coinvolgimento sia generale. Sono due le questioni da affrontare rapidamente: la prima riguarda le navi per la quarantena, la seconda l'alternativa a queste navi. Al momento sono quattro i traghetti disponibili per l'isolamento contro il Covid. Da luglio, però, la situazione cambierà. Le società di navigazione che hanno risposto al nuovo bando di gara, hanno messo a disposizione (Grandi navi veloci tra queste) mezzi navali molto più piccoli, perché i traghetti servono ora per il turismo. E quindi, davanti a numeri come quelli visti in questi giorni, vanno trovate collocazioni alternative e non improvvisate. Per questo il premier Draghi ha coinvolto nella cabina di regia - che si svolgerà tra oggi e domani - anche i ministri della Difesa, degli Esteri e delle Infrastrutture. Si pensa, infatti, a creare dei Covid-hotel nelle caserme e in strutture della Protezione civile o della Croce rossa, per fare effettuare la quarantena a chi sbarca in Italia. Spazi che devono cambiare di volta in volta, in modo da non pesare sempre sugli stessi territori.

Migranti, Lamorgese all'Europa: redistribuire i salvati in mare, più solidarietà per l'Italia

Pressing sull'Ue - Intanto Lamorgese insiste sulla Ue per ripristinare l'accordo di Malta. E ieri ha chiamato la commissaria europea agli Affari interni, Ylva Johansson, per chiedere «subito, prima dell'estate», l'attivazione di un meccanismo automatico di solidarietà per la redistribuzione delle persone soccorse in mare. E Johansson, che ha costituito un gruppo di coordinamento sulle operazioni di salvataggio, è intervenuta chiedendo «solidarietà nei confronti dell'Italia», e agli Stati membri «di sostenere i ricollocamenti». La titolare del Viminale vuole innanzitutto arrivare a un'intesa con i Paesi disponibili - contatti ci sono stati con Germania e Francia - affinché si facciano carico delle persone salvate in mare secondo quote stabilite automaticamente, prima dello sbarco. È il modello dell'accordo di Malta sottoscritto nel settembre del 2019. Sostenuto anche dall'Alto commissario Onu per i rifugiati, Filippo Grandi: «Serve - ha rilevato - un meccanismo europeo stabile», definendo, poi, «una bomba esplosiva» la regioni centrale del Sahel, con 3 milioni di profughi.
Tutto questo mentre la Guardia costiera libica ha lanciato un segnale chiaro all'Italia, facendo partire dalle sue coste almeno 16 imbarcazioni incontrollate nella sola giornata di domenica. Ieri, invece, sono intervenuti e ne hanno intercettati 500, ma la volontà sembra chiara: alzare parecchio il prezzo per mantenere l'accordo.

Migranti, quasi 1.500 a Lampedusa: pressing Salvini su Draghi, verso cabina di regia

 

Ultimo aggiornamento: 13:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA