Palamara, il pg di Cassazione gli svelò notizie sull'inchiesta

ARTICOLI CORRELATI
di Valentina Errante

  • 58
Non è finita. La bufera torna sul Csm: anche Riccardo Fuzio, procuratore generale della Cassazione, uno dei più alti magistrati in carica, componente di diritto di Palazzo dei Marescialli e titolare dell'azione disciplinare che ha appena avviato nei confronti dei colleghi, ha violato il segreto istruttorio, rivelando al pm Luca Palamara dettagli sull'inchiesta di Perugia. Con Palamara, collega della corrente Unicost, parla dell'indagine e delle nomine, esattamente come i consiglieri costretti alle dimissioni. A un anno dalla pensione, potrebbe decidere di anticipare i tempi e lasciare. Nelle intercettazioni, Fuzio fa congetture, avanza anche il sospetto che le indagini siano state rese note per bloccare la nomina di Marcello Viola a procuratore di Roma. Lo dice chiaramente, intercettato mentre parla con il pm indagato, e riferisce di avere sollevato la questione con alcuni componenti del Csm: «Da un anno non esce nulla, la mossa della tempistica come pensate di gestire? Voi ritenete che questa tempistica sia contro Luca? Che già lo sapeva? Poi non potevo dire chiaramente Viola non Viola. A Ermini, evidentemente non gli hanno detto i vari passaggi».

Csm, il procuratore Greco: «Sconcertati da logiche romane, non appartengono ai magistrati del Nord»

NOTIZIE DA PERUGIA
Palamara è preoccupato dell'informativa di Perugia arrivata alla procura generale e al Csm. Le accuse di corruzione riguardano i suoi rapporti con Fabrizio Centofanti: in cambio di viaggi, avrebbe venduto all'imprenditore la sua funzione di magistrato. Il 21 maggio Palamara parla con Fuzio: «L'unico modo per controbattere l'informativa è poter darle l'archiviazione, se no che c...faccio? Però rimane l'informativa che mi smerda. Nessuno gli dice questa cosa qui, questo è gravissimo, alzo le mani. L'informativa non l'ho mai letta, non si sa di che importo si parla, qual è l'importo di cui si parla?». E il procuratore generale: «Sì, ci stanno le cose con Adele (un'amica di Palamara a cui, secondo Perugia, Centofanti compra un anello ndr) e il viaggio a Dubai». E Palamara: «Viaggio a Dubai, Quant'è?» Fuzio risponde: «Sarà duemila euro».

LE NOMINE
Poi il nodo delle nomine. «Cascini a un certo punto non vuole Lo Voi». E Palamara: «Ma è chiaro, sa che ci sto io sopra». Fuzio ribatte: «A questo punto sono iniziati di teatri, ma alla catanese io gli ho spiegato: guarda il problema è questo, che loro mettono subito, calano le braghe su Creazzo, però, se tiene, è chiaro che si può anche non sfidare». Palamara chiede lumi: «Unicost, Area, cioè tu dici». E Fuzio: «No: Unicost MI, portano Creazzo, dopo vogliono Viola». E Palamara domanda: «E Area?». E Fuzio, informato sugli equilibri: «A quel punto Area si toglie, può anche votare», e Palamara: «Lo Voi?» E Fuzio: «No, può votare Creazzo, ma a questo punto se loro sono d'accordo con i movimenti (la corrente Movimento per la Giustizia, ndr)questa cosa, cioè il ritardo può anche questo, che anche se votano Creazzo pure quattro, noi cinque e quattro nove. MI, Area e i tre grillini votano Viola, si va in plenum e a quel punto non esce. Oppure devono entrare, devono rimanere in tre per fare il ballottaggio». Palamara vuole essere certo: «Ma noi c'abbiamo il consenso, è l'unica cosa, come al solito a quel punto, per salvare il gruppo, cade su di te...ma pure, puoi tenere su Creazzo? In plenum? Come fai? Ce la potresti fare, diglielo a Crini, ma succede un macello se perde con l'astensione tua e vince Viola, è peggio ancora, perché se io dico, noi facciamo Viola a Roma tramite l'astensione di Riccardo, va bene, è il gioco delle parti, loro lo sanno e stiamo a posto e tu, lo potresti fare». Fuzio: «Cinque e quattro nove». E Fuzio: «Ermini si dovrebbe astenere, almeno quello, visto che mo' è scandalizzato da me, dalla cosa e tutto quanto che fa? Allora se tu ti astieni non può mai vincere Creazzo».

LO SCENARIO
«Non ho capito» dice Fuzio, «Mi avete detto prima di farlo presto, ora che facciamo presto, perché si sono spaventati di questo fatto che può venire fuori uno sputtanamento su di te, nessuno me l'ha detta questa storia di Fava, perché Fava è fermo». E Palamara: «Però Mattarella, Ermini ti ha messo in mezzo, Riccà..mi devi far capire se c'ho da preoccuparmi». Poi parlano dei presunti favori fatti al pm Giancarlo Longo, già condannato per corruzione, quando era al Csm, una delle contestazioni mosse da Perugia: «Io dovevo giudicare Longo... se favorivo Longo mi arrestavano». E Fuzio: «Sì ti arrestavano». «È un cosa che era nota a tutti ma era a patto che la nota è indirizzata a quattro persone della procura e quindi tra questi ci sta Cascini (Giuseppe membro del csm ndr) e lui sa bene di questa cosa qua, se ne tiravano fuori. Però io a lui l'ho rassicurato, gli ho detto guarda, quando è venuta fuori questa cosa a settembre, gliel'ho detta, gli ho parlato. E lui mi ha rassicurato. L'informativa è chiaro che è partita, poi bloccata. Non si può».
 
Martedì 2 Luglio 2019, 08:23 - Ultimo aggiornamento: 02-07-2019 08:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP