​Ecco il sistema per pilotare i primariati: ​«Fuori i medici bravi, dentro l’amante»

​Ecco il sistema per pilotare i primariati: ​«Fuori i medici bravi, dentro l’amante»
ARTICOLI CORRELATI
di Luca Benedetti

Si sistemavano gli amici, ma anche le amanti con cui era normale l’incontro amoroso in ufficio. È lo spaccato della scandalo di sanità e favori che emerge dalle carte dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Perugia. «Invece che 40 lo portamo a 39, per avvicinarlo a quelli 3 nostri...gestire un punto non è un problema». Ecco come funzionava il sistema per far fuori i medici bravi e sistemare amici e protetti all’Azienda ospedaliera di Perugia, la grande del centro Italia, tra Roma e Firenze. Ecco quello che ha ascoltato per mesi la Guardia di Finanza che ieri mattina ha fatto scattare il blitz con arresti e perquisizioni che hanno sconvolti il potere rosso della Regione sulla torta più ambita e ricca, la sanità.


Inchiesta Sanità, Zingaretti commissaria Pd dell'Umbria
Salvini: «Umbria malgovernata, bisogna andare subito alle elezioni»


C’è la candidata brava superata da quattro raccomandati nel concorso per assistenti contabili. C’è anche l’attenzione a una parente di un generale dell’Arma in pensione finito tra gli indagati, Pasquale Coreno. Da sistemare erano tanti, come dice al telefono con il primario che proteste per le sue infermiere battute, Gabriella Carnio, componete della commissione per il posto da infermiere: «Ma non te sto a dire...c’ho tutti i fogli a casa...erano tanti tanti da sistemà». 

Ci sono i politici di lungo corso (l’ex sottosegretario all’Interno e segretario regionale del Pd, Gianpiero Bocci) che danno la dritta sulle indagini in corso e partecipano alle raccomandazioni. C’è chi si fa bonificare dalle cimici l’ufficio con i soldi dell’ospedale, uffici dove il dg ai domiciliari, Emilio Duca, incontra e «hanno un rapporto sessuale» con Milena Tomassini, indagata per il concorso da dirigente del servizio programmazione e controllo di gestione.  Sono otto i concorsi che per la Procura di Perugia i 35 indagati hanno taroccato. Il più importante è quello per il primario di Anestesia.

Lo squillo pesante è quello di Paolo Leonardi, ex assessore del Comune di Umbertide (città passata di fresco alla Lega dopo una vita di dominio rosso) che chiama Maurizio Valorosi, direttore amministrativo dell’Azienda ospedaliera di Perugia. Sponsorizza Fabio Gori che poi vincerà battendo una rivale donna, Simonetta Tesoro, sponsorizzata da un assessore regionale. Su Gori convergono in tanti. Secondo la Procura anche il direttore generale Emilio Duca, il direttore sanitario Diamante Pacchiarini e l’assessore alla Sanità, Luca Barberini. 
Duca, Valorosi e Pacchiarini, concordano nell’abbassare il voto di un concorrente che arriva da fuori. Concorrente, che agli orali non si presenta come era nell’auspicio di molti. Duca, intercettato nell’ufficio di Valorosi, dice «invece che 40 lo portamo a 39, per avvicinarlo a quelli 3 nostri...gestire un punto non è un problema». E ancora Duca: «Dopo ho parlato con l’assessore e gli ho fatto vedè i punteggi». Va tutto secondo i piani: Gori primo e Tesoro seconda, chi non fa parte del giro sanità- Pd, resta fuori. Soprattutto se arriva da fuori regione. Per quel concorso il Gip, Valerio D’Andria parla esplicitamente di verbale falso. Si trucca il concorso da primario e quello per le categorie protette. Duca rassicura la Marini: «qui ce so le domande, tra quelle lì... sta tranquilla».

Sabato 13 Aprile 2019, 07:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP