Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Design, la pietra leccese Pimar anima mediterranea

Mercoledì 25 Maggio 2022 di Pierpaolo Spada
Design, la pietra leccese Pimar anima mediterranea

Incontrastato impero della pietra leccese da 150 anni capace di ammaliare anche gli sceicchi, il marchio salentino Pimar Italian Limestone torna al Salone del Mobile di Milano con Natura Mediterranea, la nuova collezione firmata dal duo AposPersano.

Le lampade modulari componibili, la Geo table’s collection e le particolari finiture. «Natura Mediterranea è un percorso progettuale tra architettura e design. Il progetto di allestimento propone uno scrigno dove esaltare l’essenza della materia naturale, la pietra Pimar, nelle sue molteplici declinazioni offerte. Alla base muri e colonne, archetipi di un materiale senza tempo, dove la storia è sedimentata e si riattualizza nella contemporaneità», le parole dei suoi ideatori. Che rivelano il concept: la narrazione attraverso la materia litica del rapporto uomo-natura, per riflettere sul progetto dell’abitare; il legame tra la pietra e la sua anima mediterranea, come espressione e rappresentazione della luce intensa del luogo da cui ha origine. «Superfici dai segni minimi, rigate, a spacco o lisce, levigate e setose, diventano trame per nuovi rivestimenti». Pimar e AposPersano allestiranno lo spazio su 110 metri quadri all’interno della Hall 1 del Salone, dove, simultaneamente, saranno esposte le nuove collezioni dell’azienda di Cursi (nel cuore della provincia di Lecce) amministrata da Giorgia Marrocco. Composizioni su sfondo naturale, che brillano del candore della pietra, destinate a spazi abitativi come la “Vasca” di Renzo Buttazzo o il tavolo “Com” di Giulio Iacchetti. Un tentativo di interrogare il futuro, tenendo sempre stretta la mano alla tradizione, al passato, in ossequio al quale quest’anno Pimar ha deciso di dedicare anche il proprio “Omaggio ai maestri”, esponendo, nello stesso stand che la ospiterà al Salone milanese, e «in ricordo della lunga collaborazione con l’azienda», le casette del poliedrico architetto e artista lucano Riccardo Dalisi, scomparso lo scorso 9 aprile. 

Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 07:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA