Uccide due Husky e li seppellisce in cortile: assolto dalle accuse, choc negli Usa

Giovedì 31 Dicembre 2020
Uccide due Husky e li seppellisce in cortile: assolto dalle accuse, choc negli Usa

Uccide i cani della vicina e li seppellisce dietro casa: ma per la contea dove vive non ha commesso alcun reato. È successo a Fulton in Ohio, negli Usa. In particolare, l'Ufficio del Procuratore della Contea - Scott A. Haselman - ha rilasciato i dettagli per cui non ci saranno accuse: in particolare l'indagine «ha stabilito che i due Husky sono stati uccisi mentre stavano attaccando attivamente un vitello sulla proprietà del contadino». La difesa della proprietà è un tema molto sentito negli Stati Uniti, dove alle volte si arriva a paradossi evidenti: in questo caso, sembra che la legge non imponga - a chi commette il fatto - neanche di informare il proprietario o le forze dell'ordine.

Inoltre: «un cane che insegue o si avvicina in modo minaccioso o con un apparente atteggiamento di attacco, che tenta di mordere o altrimenti mettere in pericolo, o che uccide o ferisce una persona o un cane che insegue, minaccia, molesta, ferisce o uccide bestiame, pollame o altri animali domestici, o altro animale, che è la proprietà di un'altra persona, ad eccezione di un gatto o un altro cane, può essere ucciso al momento della caccia, minaccia, molestie, avvicinamento, tentativo, uccisione, o lesioni», così riporta il codice penale dell'Ohio. Un fatto che ha autorizzato i giudici a non ritenere colpevole l'uomo. Nel frattempo - sul web - Lisa Fox ha fondato una pagina di crowdfunding per sensibilizzare e raccogliere donazioni a nome della Fulton County Humane Society.

Leon, il bambino autistico che ha cominciato a parlare grazie all’amore di un cane

Il fatto

Lo scorso 24 novembre Lisa Fox, questo il nome della proprietaria dei due cani, si rese conto di aver smarrito «i suoi ragazzi», Brutus e Skye, così si chiamavano i due Husky siberiani. Pubblicò anche un post su Facebook, dove si dichiarava pronta a fare qualsiasi cosa pur di ricevere delle informazioni. La donna, tuttavia, ha aspettato ben 21 giorni prima che la polizia potesse informarla dell'accaduto: a farla preoccupare ulteriormente - nel frattempo - era stato il fatto che i due cani avevano entrambi il collare con il numero di telefono e l'indirizzo di casa della loro famiglia.

 

Covid, un visone nello Utah primo caso di animale selvatico positivo

La dichiarazione

Da questo momento Lisa Fox ha annunciato che sarà più attiva sui social e non esclude di battersi - in futuro - per una legislazione più giusta sul tema, in Ohio: «Avevo bisogno di qualcosa di positivo su cui concentrarmi, qualcosa di diverso da questa orribile oscurità che è stata portata nelle nostre vite togliendoci due dei nostri familiari. I cani fanno parte delle nostre famiglie e se ciò accade il proprietario non dovrebbe passare 21 giorni a cercare nei boschi e urlare i loro nomi alla loro ricerca», queste le parole di Fox.

 

Ultimo aggiornamento: 19:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA