Elezioni in Francia, la coalizione di Macron supera Mélenchon ma solo del +0,09%

L'astensione ha raggiunto un nuovo record storico, attestandosi al 52,49% (nel 2017 era stata del 51,3%).

Elezioni in Francia, la coalizione di Macron supera Mélenchon ma solo del +0,09%
Elezioni in Francia, la coalizione di Macron supera Mélenchon ma solo del +0,09%
Lunedì 13 Giugno 2022, 07:17 - Ultimo agg. 11:53
3 Minuti di Lettura

La maggioranza presidenziale uscente di Emmanuel Macron, riunita nella coalizione Ensemble!, ha ottenuto il 25,75% dei voti al primo turno delle elezioni legislative in Francia, ovvero soltanto 21.442 voti in più (+0,09%) rispetto all'alleanza di sinistra Nupes raccolta intorno a Jean-Luc Mélenchon (25,66%).

Elezioni Francia, Mélenchon cresce: per Macron maggioranza assoluta a rischio. Zemmour eliminato al primo turno

Lo mostrano i dati del ministero dell'Interno francese. L'astensione ha raggiunto un nuovo record storico, attestandosi al 52,49% (nel 2017 era stata del 51,3%).

Secondo i dati del ministero dell'Interno di Parigi, quindi, per il presidente della Repubblica francese si tratta di una battuta d'arresto e di un pareggio con il leader della sinistra radicale. Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica, scrive Le Figaro, il partito presidenziale non risulterebbe nettamente in testa al primo turno delle elezioni legislative. L'affluenza ha raggiunto solo il 47,51%, secondo il ministero dell'Interno, un minimo storico. La nuova alleanza di sinistra, con comunisti, verdi e socialisti guidata dal politico di sinistra Jean-Luc Mélenchon, ha ricevuto quindi appena 21.400 voti in meno rispetto alla coalizione di Macron. Le previsioni per il secondo turno mostrano come Macron potrebbe vincere dai 255 ai 310 dei 577 seggi dell'Assemblea nazionale, il che significa che non è chiaro se ne avrà abbastanza per una maggioranza assoluta di almeno 289 seggi. Il risultato è un successo per la nuova alleanza di sinistra guidata da Mélenchon e una situazione che mette sotto pressione Macron. Se questo si traducesse in una maggioranza relativa per il capo dello Stato, questo lo spingerebbe paradossalmente a voltare a destra per poter applicare il suo programma, scrive Le Figaro. Con l'11,3% dei voti, Les Républicains possono sperare tra i 40 ei 60 deputati e diventare quindi essenziale per il Capo dello Stato nella nuova Assemblea nazionale. Quanto a Marine Le Pen, nonostante un punteggio del 19,2%, otterrebbe solo tra i 10 ei 25 deputati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA