Bagnoli, associazione MaiPiuAmianto: «Ok poteri commissariali al sindaco per programma di rigenerazione»

Sabato 22 Gennaio 2022
Bagnoli, associazione MaiPiuAmianto: «Ok poteri commissariali al sindaco per programma di rigenerazione»

L'associazione MaiPiuAmianto valuta positivamente l'attribuzione al nuovo sindaco di Napoli dei poteri commissariali «per dare slancio al programma di riconversione». È quanto afferma, in una nota, il presidente dell'associazione, Giovanni Sannino, nel quale ricorda che MaiPiuAmianto «ha sempre ritenuto la bonifica e la rigenerazione urbana dell'area ex industriale Bagnoli-Coroglio anche come un legittimo risarcimento, morale e sociale per le sofferenze delle famiglie per i tanti lutti subiti e per i danni ambientali di anni di inquinamento».

«Per questo obiettivo - precisa Sannino - onorando la sua missione statutaria, ha presidiato l'avvio dei lavori nell'area Sin, svolgendo una funzione di stimolo e al tempo stesso di interlocuzione con il soggetto attuatore Invitalia e la struttura commissariale, pur avendo mille perplessità sullo Sblocco Italia che di fatto ha scippato la potestà urbanistica all'amministrazione comunale. Il programma di riconversione, secondo Sannino, vive uno stallo preoccupante».

Video


«La conclusione dei lavori di bonifica della ex area Eternit - ricorda - è slittata di tre mesi rispetto al cronoprogramma, tutte le attività e le procedure di affidamento dei lavori di bonifica di altri pezzi del territorio sono ferme. Il recupero del Parco dello Sport, unica realtà edificata e purtroppo vandalizzata, segna il passo e non si riesce a trovare un soggetto che sia in grado di garantirne la gestione. A questo si aggiunge che il decreto di assegnazione dei poteri commissariali prevede ben 12 superesperti, più due sub commissari, con considerevole appannaggio finanziario».

«Non vorremmo - conclude Sannino - che diventasse un carrozzone burocratico, in risposta più ad equilibri politici che non al recupero del tempo perduto, e non vorremmo davvero che si corresse il rischio di ulteriori dilazioni. Il quartiere, la città non lo merita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA