Napoli Est, giù il capannone fatiscente del rione Baronessa: lavori per 40mila euro

Napoli Est, giù il capannone fatiscente del rione Baronessa: lavori per 40mila euro
di Alessandro Bottone
Mercoledì 14 Settembre 2022, 20:29
3 Minuti di Lettura

Si abbatte il fabbricato abusivo nel rione Baronessa di Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli. Il Comune di Napoli ha deciso di procedere alla demolizione dell'edificio posto nel complesso residenziale incastrato tra via Raffaele Testa e via Luigi Volpicella che da anni versa in condizioni di abbandono e pesante degrado.

Da spazio per anziani a luogo per celebrazioni religiose, la costruzione ricade in un’area condominiale di cui il Comune di Napoli è comproprietario per circa il 69%, così come evidenziato negli atti dell'Area Urbanistica di Palazzo San Giacomo con cui è stato affidato l'intervento di demolizione a una impresa impegnando un importo complessivo di 40mila euro. Il capannone - di forma rettangolare, di diciannove metri per sette - è posto a ridosso delle abitazioni e a poca distanza da un edificio scolastico. La struttura portante è in composta da scatolari metallici mentre le "pareti" sono costituite da pannelli in lamiera così come la copertura che risulta particolarmente danneggiata dagli agenti atmosferici. L'intero fabbricato presenta un «alto grado di fatiscenza» dovuto all’usura dei manufatti e agli atti di delinquenti e vandali che hanno “visitato” la struttura ormai inutilizzabile. Non mancano cumuli di rifiuti e di detriti, come denunciato da Il Mattino negli anni scorsi.

I lavori da mettere in campo - e da concludere in trenta giorni - prevedono la demolizione del fabbricato abusivo, della pavimentazione e «degli elementi abusivamente realizzati sull’area esterna», quali la rete esterna, i paletti e la struttura metallica. La società - il cui affidamento è avvenuto con trattativa diretta sulla piattaforma Mepa - provvederà, altresì, alla rimozione e smaltimento di tutti i materiali smantellati e recuperati.

La rimozione del fatiscente capannone rappresenta un primo passo per la riqualificazione del rione popolare di Barra fortemente auspicata da numerosi residenti che, nel corso degli ultimi mesi, hanno dovuto convivere con i problemi all’impianto fognario a servizio dei diversi palazzi che risulta danneggiato e inefficiente. Dunque, occorrono altri interventi per ripristinare igiene, decoro e sicurezza nel complesso da molti conosciuto come il “rione dei profughi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA