Da chiesa a covo per drogarsi, pericolo e degrado vicino alle case di Napoli Est

Da chiesa a covo per drogarsi, pericolo e degrado vicino alle case di Napoli Est
di Alessandro Bottone
Lunedì 6 Maggio 2019, 13:25 - Ultimo agg. 17:02
3 Minuti di Lettura

Una piccola chiesa trasformata in campo di pallone di giorno e covo di tossicodipendenti di notte. É la difficile circostanza che si registra in via Raffaele Testa, strada a metà tra i quartieri San Giovanni a Teduccio e Barra, nella periferia orientale di Napoli.

Prima di essere stata chiusa definitivamente cinque o sei anni fa, la cappella ospitava le celebrazioni di domenica e nei giorni di festa e, durante la settimana, invece, era animata dai cittadini delle palazzine a ridosso. Usata, quindi, anche come luogo di ritrovo e aggregazione o semplicemente come posto dove gli anziani trascorrevano il proprio tempo libero. Sempre meno frequentata dai fedeli, non più utilizzata da oltre un lustro, la chiesa è stata presa di mira dai delinquenti e dai vandali: rubati gli infissi, è stato un gioco da ragazzi intrufolarsi nell'edificio per rubare e creare danni alla struttura.
 

 

A terra ci sono rifiuti e oggetti di ogni genere. L'ex chiesa da anni versa in una situazione di estremo degrado. Il prefabbricato, accessibile da chiunque, è quotidianamente utilizzato dai ragazzini per giocare a pallone. Di notte, invece, all'interno si radunano persone che bivaccano. Ci sono anche molti che fanno uso di sostanze stupefacenti: una situazione che crea paura nei cittadini del rione Baronessa.

Le circostanze di pericolo sono state denunciate con una petizione agli organi competenti in cui si sottolinea che la struttura «è usata per attività di varie natura, da giovani e tossicodipendenti, dove trovano riparo da occhi indiscreti per bucarsi, praticare sesso e attività illecite». Con la nota, il comitato dei residenti chiede di porre fine alla situazione di degrado anche abbattendo la struttura stessa definendola «luogo di solitudine e di morte». É la consigliera della VI municipalità Antonietta Marigliano, del gruppo Riformisti Democratici con de Magistris, a rilanciare la denuncia per accendere i riflettori su una zona della periferia orientale particolarmente abbandonata negli ultimi anni. Anche l'area esterna è in condizioni critiche: nelle aiuole ci sono pezzi di arredi sottratti alla chiesa ormai fatiscente.
 

Oltre i pericoli, i cittadini della zona lamentano anche i continui schiamazzi notturni da parte di persone che si sono ormai impossessate del bene. Finora, dopo la denuncia formale, non ci sono stati riscontri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA