Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, il parco Vergiliano riapre dopo le proteste: «Il cantiere è in sicurezza»

Venerdì 11 Febbraio 2022 di Valentino Di Giacomo
Napoli, il parco Vergiliano riapre dopo le proteste: «Il cantiere è in sicurezza»

«Dopo la riduzione dell’area del cantiere e svolti gli interventi necessari per garantire la riapertura in sicurezza del sito storico, archeologico e naturalistico, siamo felici di informarvi che da oggi si potrà di nuovo accedere a Parco e Tomba di Virgilio». Ha finalmente riaperto, dopo quasi sei mesi di chiusura, il parco Vergiliano di Piedigrotta. Lo ha annunciato ieri la Sovrintendenza sul sito della Direzione regionale dei musei della Campania. Dopo interrogazioni, sit-in e una battaglia mediatica lanciata dal nostro giornale, i napoletani (e non solo) potranno nuovamente visitare un luogo intriso di storia dove sono probabilmente custodite le spoglie mortali di Virgilio e Giacomo Leopardi. La chiusura del parco, lì dove nel suo esordio cinematografico, Alessandro Siani, girò una scena di “Ti lascio perché ti amo troppo”, era avvenuta a causa dei lavori della metropolitana della Linea 6, un’infrastruttura progettata al principio degli anni ‘80 e non ancora ultimata. E qui, più efficace dei due illustri poeti, servirebbero forse proprio le parole del comico sulla metropolitana: «La state costruendo o la state cercando?». 
 

L’ingresso del parco fu chiuso prima lo scorso giugno a causa del pericolo crolli delle gigantesche anfore custodite all’entrata che potevano mettere a rischio i visitatori. Riaperto lo storico sito, fu nuovamente chiuso a settembre probabilmente per i contigui lavori all’esterno della stazione di Mergellina. Un caso che ha seguito da vicino sin dall’inizio il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che in questi mesi ha svolto sopralluoghi e presentato interrogazioni per conoscere i motivi delle chiusure del parco. Un sito di interesse storico troppo spesso dimenticato e, purtroppo, a volte anche confuso con il parco Virgiliano di Posillipo dove pure insistono problemi di degrado e manutenzione, in particolare del verde pubblico. Il Vergiliano, tra l’altro, non ha un valore soltanto simbolico per il cenotaffio di Virgilio o per il mausoleo dedicato al poeta di Recanati, ma anche per la sua conformazione geologica che ricorda le eruzioni millenarie dell’Ignimbrite e del Tufo giallo le cui pietre sono servite all’edificazione della Crypta Neapolitana.

Video

Proprio per spronare le autorità competenti alla riapertura del parco, il consigliere regionale Borrelli aveva organizzato per questa mattina una manifestazione che consisteva nella lettura pubblica dei versi di Virgilio e Leopardi con la presenza di un attore amatissimo dai napoletani di tutte le età, Benedetto Casillo. Il sit-in si svolgerà comunque questa mattina, non per protesta ma per celebrare la grandezza dei due poeti. «Siamo contenti - ha spiegato Borrelli - che dopo la nostra protesta la Sovrintendenza è riuscita in pochi giorni a risolvere tutti i problemi che hanno tenuto il parco chiuso per quasi 6 mesi. Il monumento è rimasto inaccessibile per un periodo lunghissimo. In ogni caso la nostra presenza sabato mattina è confermata e consisterà nella lettura pubblica dei versi poetici che ispirarono il Sommo Poeta e dell’autore dell’Infinito. Possibile mai che abbiamo dovuto mettere in piedi una manifestazione pubblica per ottenere un intervento sul sito e la sua conseguente riapertura? Perché non si agisce nella quotidianità nel proteggere e rendere fruibile il patrimonio storico, artistico, ambientale e monumentale della nostra città? Questo modo di amministrare non ci piace e non è rispettoso per la città e per tutti coloro che vogliono fruire delle sue bellezze». E, intanto, Borrelli mette nel mirino un altro parco monumentale, quello di Re Ladislao a via Cardinale Seripando. «Un luogo splendido e - spiega - dimenticato che merita un’attenzione speciale da parte della città». Per ora, si spera definitivamente, i turisti potranno tornare a visitare “l’ermo colle” di Piedigrotta - gratuitamente - lì dove giacciono le spoglie di Virgilio e Leopardi. 

Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio, 17:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA