Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, i pavimenti della cappella Pappacoda spariscono sotto un tappeto di rifiuti

Sabato 21 Agosto 2021 di Oscar De Simone
Napoli, i pavimenti della cappella Pappacoda spariscono sotto un tappeto di rifiuti

Edificata nel 1415, ristrutturata nel 1772 ed ora vandalizzata da chi ha trasformato largo San Giovanni Maggiore in una discarica a cielo aperto. Uno scempio senza precedenti che vede al centro la cappella monumentale di San Giovanni dei Pappacoda i cui spazi interni alle recinzioni, vengono adoperati come pattumiera.

Come immondezzaio – con centinaia di lattine e di bottiglie in plastica e vetro – che poco alla volta ha coperto le antiche pavimentazioni. Questi i “segni” del ritorno alla movida sfrenata che da mesi è tornata ad occupare l'area ai margini di via Mezzocannone.

Video

Una delle piazze simbolo dello svago notturno nel cuore del centro storico. «E' vergognoso – afferma il consigliere della II Municipalità Salvatore Iodice – vedere come nessuno si curi di questo monumento. Di questa testimonianza del passato della nostra città. Una cappella voluta da una delle famiglie più importanti della città e vicina al re Ladislao I d'Angiò che da anni, è sede delle sedute di laurea dell'Università “L'Orientale”. Bisogna intervenire subito per una rapida pulizia e per la messa in sicurezza del posto. E' necessario farlo per preservare il monumento e renderlo nuovamente visibile a tutti. Ma non basta. Altro punto importante è quello della vigilanza che deve essere attivata in zona. Non è più possibile consentire questi comportamenti ai vandali che frequentano la piazza. Le nostre bellezze vanno protette per il nostro presente e soprattutto per il nostro futuro. La battaglia per la civiltà deve essere portata avanti senza paura e senza sconti per nessuno».

Ultimo aggiornamento: 18:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA