Astrazeneca, il figlio di Sonia Battaglia: «Mamma stava bene dopo il vaccino, poi il vomito e la paralisi sul lato sinistro del corpo»

Martedì 16 Marzo 2021 di Oscar De Simone
Astrazeneca, il figlio di Sonia Battaglia: «Mamma stava bene dopo il vaccino, poi il vomito e la paralisi sul lato sinistro del corpo»

Non riescono a darsi pace i familiari di Sonia Battaglia, l'assistente scolastica ricoverata in terapia intensiva all'Ospedale del Mare dopo essere stata sottoposta il primo marzo alla prima dose del vaccino AstraZeneca. Una donna sana, così come viene descritta dai figli, che già due giorni dopo la somministrazione del siero aveva iniziato a stare male. Prima il vomito, poi l'incapacità di parlare e infine una parziale paralisi sul lato sinistro del corpo. Tutti sintomi che spinsero immediatamente i familiari a richiedere l'intervento dei sanitari che però, raccontano, le avrebbero sconsigliato il ricovero. 

È stato allora che Raffaele Conte ha deciso di accompagnare la mamma al pronto soccorso. «Mia madre è in coma da allora – racconta oggi Raffaele – e nessuno sa dirci come sia possibile. Mamma è sempre stata sana e senza problemi di salute. Anche i medici ora si stanno mobilitando per cercare qualche patologia pregressa, ma non c'è nulla che possa aver scatenato questo quadro clinico. Mamma era dubbiosa se sottoporsi a o meno a questo vaccino ma alla fine ha ritenuto opportuno farlo. Ora nessuno può dire con certezza cosa sia accaduto ma sappiamo che le è stato somministrato il lotto Astrazeneca poi bloccato. Per questo continuiamo a chiedere che le indagini proseguano per fare luce sulla vicenda». 

Video

Ad oggi, però, non è stata riscontrata alcuna correlazione tra il vaccino e il quadro clinico osservato sulla donna. Una 54enne assistente scolastica in un istituto di San Giorgio a Cremano che tutti descrivono come generosa e professionale. «È stata proprio la sua grande dedizione al lavoro – continua il figlio – a spingerla ad andare a vaccinarsi. Nonostante le paure per le voci che giravano in quei giorni, mamma non ha avuto esitazioni ma la cosa non può e non deve finire qui. Noi abbiamo intenzione di agire legalmente contro i sanitari che le sconsigliarono di andare in ospedale, perché crediamo si sia trattato di omissione di soccorso. E non ci fermeremo finché non sapremo la verità sui lotti incriminati e su cosa sia realmente accaduto. È una cosa che va fatta non solo per dare giustizia a mia madre ma per il bene di tutti quelli che guardano questa vicenda in attesa di risposte». 

Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA