Terzigno, case abusive a loro insaputa: residenti sui tetti per impedire gli sgomberi

Lunedì 11 Novembre 2019 di Francesco Gravetti

Residenti in bilico sui tetti o barricati in casa con le porte bloccate dalle auto: è rivolta in via Panoramica a Terzigno dove da stamattina le forze dell'ordine stanno cercando di eseguire l'ordinanza di sgombero, in vista della demolizione, di 14 case abusive i cui residenti protestano perché a suo tempo acquistarono regolarmente e in buona fede gli alloggi, scoprendo solo molti anni dopo che le licenze edilizie erano state revocate.

LEGGI ANCHE Abusivi a loro insaputa nel Vesuviano, emendamento può fermare le ruspe

Nonostante le rassicurazioni sabato al termine di un Consiglio comunale che ha deliberato una richiesta di sospensione delle procedure di sgombero, questa mattina sono arrivati tecnici inviati dalle autorità per il distacco delle utenze. Alcuni cittadini sono saliti sui tetti delle abitazioni, altri hanno barricato con auto l'accesso agli immobili. Le 14 famiglie ribadiscono di essere state vittime di una vera e propria truffa e invocano da tempo l'intervento delle istituzioni.
 

 

Sono disperati i condomini delle palazzine. Quelli sopra il tetto minacciano di buttarsi giù, ci sono stati anche degli svenimenti. Sul posto anche i rappresentanti dell'amministrazione comunale e il sindaco Francesco Ranieri, che sta tentando di ottenere un rinvio degli sgomberi.

LEGGI ANCHE Case abusive di Terzigno, i residenti al governo: «Noi truffati, niente ruspe»

Ultimo aggiornamento: 16:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA