Covid ad Acerra, 19 contagiati: «Ma sono tutti casi di rientro»

Sabato 12 Settembre 2020

Diciannove persone sono risultate positive al tampone del Coronavirus ad Acerra. Lo ha reso noto il sindaco Raffaele Lettieri, sottolineando che si tratta di casi «da rientro» e che comunque «potrebbero essere nel frattempo guariti, in quanto in attesa del tampone di conferma». La comunicazione segue una serie di polemiche degli ultimi giorni, quando le associazioni di medici locali avevano lanciato l'allarme di un incremento di casi in città, e la richiesta da parte del Pd locale di «chiarimenti sulla reale situazione». «Noi stiamo facendo la nostra parte - ha detto Lettieri - e non ci siamo fatti cogliere impreparati. I casi in città sono da rientro, non c'è alcun focolaio locale».
 


Per il segretario del Pd locale, Carmine Siracusa, la nuova comunicazione del sindaco è però «tardiva rispetto al passato». «Finalmente ci ha detto come stanno le cose - ha affermato - dopo le nostre sollecitazioni. Se ci avesse pensato prima avrebbe evitato le legittime preoccupazioni della cittadinanza. Mi auguro che continui ad essere tempestivo e quotidiano l'aggiornamento delle informazioni, così come faceva durante il lockdown. Il sindaco infatti è un'autorità sanitaria, con i poteri e le funzioni che gli attribuisce la legge. Lettieri deve sapere che questa responsabilità non viene mai sospesa, nemmeno da una campagna elettorale per le regionali. Il Partito Democratico, come sempre, sosterrà tutte le decisioni che vadano nel senso di contrastare l'emergenza da Covid 19, ma ci vogliono chiarezza e senso di responsabilità, non reticenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA