Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incidente a Napoli in via Marina, scontro tra scooter nella corsia preferenziale: morto 46enne, due giovani feriti

Sabato 2 Luglio 2022 di Melina Chiapparino
Incidente a Napoli in via Marina, scontro tra scooter nella corsia preferenziale: morto 46enne, due giovani feriti

Tragico incidente a Napoli dove, poco prima della mezzanotte di ieri, lo scontro tra due scooter è stato fatale per un 46enne napoletano. L' episodio è avvenuto su via Amerigo Vespucci, all'altezza dell'ospedale Loreto Mare.

Un 15enne alla guida di un Liberty ha impattato quasi frontalmente contro un altro centauro, il 46enne napoletano che ha perso la vita ed era alla guida di un Sh Honda. Dai primi accertamenti della sezione infortunistica stradale della polizia municipale di Napoli, comandata da Antonio Muriano, risulta che il minore stesse facendo inversione sul tratto pedonale della carreggiata che stava inizialmente percorrendo in direzione di piazza Municipio. Durante l'inversione, il centauro 15enne, che trasportava un amico 25enne come passeggero s'è scontrato con il 46enne che procedeva sulla carreggiata preferenziale.

I primi a intervenire sul posto sono stati alcuni infermieri del vicino Loreto Mare, presidio che da tempo non ha più il pronto soccorso. I sanitari hanno praticato un massaggio cardiaco sul 46enne per il quale non c 'è stato nulla da fare e hanno rimesso in asse una frattura riportata dal passeggero che viaggiava col minore. I due ragazzi sono stati trasportati dalle ambulanze del 118 all'ospedale del Mare e al Cardarelli. 

Video

Gli agenti coordinati da Muriano hanno accertato che entrambi i mezzi non avevano l'assicurazione, il minore non aveva il patentino e al 46enne era stata revocata la patente. Dai sopralluoghi dei poliziotti municipali sembra anche che nessuno dei tre indossasse il casco di protezione. Gli scooter sono stati posti sotto sequestro così come la salma dell'uomo trasportata al reparto di Medicina legale del Policlinico Federico II per l'autopsia.

Ultimo aggiornamento: 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA