La sfida: in 10 anni treni superveloci tra Napoli e Bari, al via i cantieri

Sabato 31 Ottobre 2015 di Enrico Ferrigno
Previsione di ragionevole speranza che, in dieci anni, un’opera strategica come la linea ferroviaria «ad alta capacità» Napoli-Bari (tratta che sarà percorsa in due ore) possa essere realizzata. L’annuncio ieri, ad Acerra, in un incontro con il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, per l'apertura di tre nuovi cantieri sulla linea.



E Delrio, poi a Napoli, incontrando i lavoratori del porto, ha spiegato che a gennaio sarà nominato il presidente dell’Authority. Intanto la notizia di un’inchiesta giudiziaria scuote il mondo dei trasporti campani: sequestro di 417mila euro per Raffaello Bianco, ex amministratore unico della Sepsa, società della Regione che gestiva le ferrovie Cumana e Circumflegrea fino al 2012 quando è confluita nell'holding Eav.



Bianco, secondo i pm della Procura di Napoli, avrebbe «indebitamente intascato» nel periodo 2005-2010 la cifra di 417mila euro «depauperando le casse della Regione Campania».





© RIPRODUZIONE RISERVATA