Camorra a Napoli: «Salviamo il piccolo Mario, al figlio del pusher ucciso va assicurato un futuro»

Giovedì 14 Ottobre 2021 di Leandro Del Gaudio
Camorra a Napoli: «Salviamo il piccolo Mario, al figlio del pusher ucciso va assicurato un futuro»

Un lavoro alla giovane vedova del pusher ucciso sabato notte a Secondigliano. E una vita per quel piccolo rimasto orfano ad appena un anno. Una vita in famiglia, nel suo quartiere, assieme alla mamma e ai suoi cari, ma fatta di scuola, sport e quanto di ordinario possa scandire le fasi della crescita. Parte da qui una sorta di mobilitazione per il piccolo “Mario”, nome rigorosamente di fantasia, che da sabato notte non ha più un padre....

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 08:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA