Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, operai Si-Cobas bloccano la Turi Trasport: «Da otto mesi senza stipendio». Arriva la replica della società

Mercoledì 27 Aprile 2022
Napoli, operai Si-Cobas bloccano la Turi Trasport: «Da otto mesi senza stipendio». Arriva la replica della società

Alcuni operai aderenti al sindacato Si-Cobas hanno bloccato dalla mattinata le attività logistiche della società Turi Trasport a Napoli che «dopo aver usufruito indebitamente della cassa Covid per 10 mesi - denunciano in una nota stampa - da quasi otto mesi tiene i lavoratori senza stipendio». Alcuni lavoratori hanno fermato i mezzi adibiti allo spostamento dei container mentre un altro loro collega è salito a decine di metri di altezza sui cassoni metallici impilati.

Video

Momenti di tensione si sono registrati ad uno dei cancelli di ingresso quando i contestatori hanno cercato di impedire l'uscita di un camion portacontainer. «Riteniamo che i nostri iscritti - si legge nel documento diffuso - stiano subendo questo trattamento dall'azienda solo per aver rivendicato l'applicazione del contratto Porti. Intanto abbiamo notizia che l'Inps ha rigettato la cassa integrazione ordinaria ritenendo non ci siano i presupposti».

Pronta la replica della società tramite l'amministratore unico Pasquale Turizio che comunica quanto segue: «I lavoratori hanno già percepito, a seguito di regolare autorizzazione, direttamente dall’Inps il trattamento di cassa integrazione guadagni covid fino al 30.06.2022. Al riguardo si precisa che soltanto all’Inps compete ogni statuizione in ordine ad un indebito utilizzo del predetto strumento di ammortizzazione sociale. Nella fattispecie, l’autorizzazione ed il successivo pagamento diretto da parte dell’Istituto di previdenza ai lavoratori esclude in radice ogni asserita indebita percezione»

«I lavoratori sono stati collocati in cassa integrazione guadagni ordinaria (non più covid) dal 01.07.2021 al 26.06.2022, in prosieguo di quella covid. Soltanto il 24.04.2022, a mezzo pec visualizzata il 26.04.2022, l’Inps ha comunicato la reiezione di tale ultimo periodo ritenendo non sussistente il requisito della ripresa dell’attività. La società ha prontamente portato a conoscenza dei lavoratori e della O.S. Si-Cobas la propria intenzione di ricorrere avverso il predetto provvedimento di diniego. Si rappresenta che il termine per la presentazione del ricorso è di 60 giorni, scadenti -quindi- il 25.06.2022 p.v.».

«I lavoratori avevano intentato un giudizio nei confronti della società per rivendicate differenze retributive ed il Tribunale di Napoli, con sentenza dello scorso 13.04.2022, ha rigettato i ricorsi dei lavoratori statuendo che non avevano diritto ad alcuna differenza retributiva essendo, peraltro, stati pagati in maniera più favorevole rispetto al contratto collettivo porti». 

«Il blocco delle attività logistiche della società ad opera dei lavoratori effettuato dalla mattinata del 27.04.2022 é, pertanto, del tutto ingiustificato. Peraltro, lo stesso è sfociato in una violenta aggressione ai danni dei titolari della società e di alcuni dipendenti di sede per la quale la società darà corso ad ogni azione penale, civile e disciplinare» conclude la nota

Ultimo aggiornamento: 21:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA