Napoli senza bus e metropolitane: blitz della polizia per liberare i binari

ARTICOLI CORRELATI
di Pierluigi Frattasi

  • 128
Alta tensione alla stazione Piscinola della Linea 1, dove i lavoratori della ditta di pulizie Samir da questa mattina hanno occupato i binari, impedendo ai treni di uscire, per protestare contro il mancato pagamento delle spettanze da parte dell’Anm.

Poco prima delle 11, dopo lunga e infruttuosa mediazione per liberare i binari, è scattato l’intervento delle forze dell’ordine sui binari. Alle 13 l'annuncio del questore di Napoli, Antonio De Iesu: «Sono stati sgomberati i manifestanti alla stazione di Piscinola e rimossi i detriti sui binari rinvenuti sulla linea 1 della metropolitana. A breve la circolazione dovrebbe riprendere». 

Secondo la polizia, lo sgombero è avvenuto pacificamente mentre l'Usb denuncia «diversi contusi» tra i lavoratori Samir a seguito «della carica effettuata dalla polizia alla stazione di Piscinola per sgomberare i dipendenti che protestano da stamattina».

In una nota, il sindacato afferma di «condannare la violenza della polizia e di schierarsi al fianco dei lavoratori in lotta».

I manifestanti si sono successivamente spostati all'esterno del deposito dell'Anm di Chiaiano. ​Due manifestanti, riferiscono fonti sindacali, sono stati portati in Questura per essere identificati.

Sono in corso verifiche da parte dei tecnici dell'Azienda napoletana mobilità per capire se possa riprendere la circolazione dei treni della metropolitana.

Uno dei lavoratori s'è arrampicato su una torre del deposito Anm di via Nazionale delle Puglie. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco, che hanno montato il cuscino gonfiabile di salvataggio.
 
 

La rivolta dei dipendenti della Samir era partita questa mattina alle 6. La ditta vanta cinque milioni di euro di arretrati dall’Anm. I lavoratori hanno occupato stazioni metropolitane e depositi dei bus. 

Servizio sospeso su tutte le linee bus e sulla Linea 1 della metropolitana, su tutta la tratta

Migliaia di persone sono rimaste in attesa in strada alle fermate e davanti alle porte delle stazioni del metrò. Regolari invece le funicolari.
 

A causa delle agitazioni, è stata annullata la visita del ministro dei Trasporti Delrio per l’inaugurazione dell’area riqualificata a Largo Pignatelli nell’ambito dei lavori per la metropolitana linea 6.

I sindacati della Samir hanno indetto uno sciopero di 48 ore per il 29 e il 30 gennaio.
Mercoledì 24 Gennaio 2018, 11:30 - Ultimo aggiornamento: 24-01-2018 14:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP