Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nasce radio Centro Ester, una nuova
voce per il quartiere di Napoli Est

Sabato 21 Dicembre 2019 di Alessandro Bottone
Nasce radio Centro Ester, una nuova voce per il quartiere di Napoli Est
Nasce una nuova radio a Napoli e precisamente a Barra, nella periferia est. É RCE, la web radio del Centro Ester, il complesso sportivo che da un anno e mezzo, dopo diversi mesi di chiusura, accoglie centinaia di giovanissimi, e non solo, in numerose discipline. Una eccellenza in un territorio che vive molteplici situazioni di disagio dal punto di vista sociale, un polo nel quale poter coltivare passioni e talenti lontani dalle insidie della strada.

«Una voce per tutti, una voce di tutti» dice Enzo De Micco, responsabile iniziative sociali e rapporti con il territorio, nella prima trasmissione in diretta di ieri sera. Un nuovo strumento di comunicazione che sarà messo a disposizione dei cittadini per raccontare le potenzialità e per denunciare i problemi e le criticità del quartiere. Sarà, dunque, un canale attraverso il quale si parlerà di Barra dando voce ai residenti che si impegnano per il riscatto di Napoli Est. La radio del Centro Ester vuole essere un punto di riferimento per tanti e si pone l'obiettivo di aggregare le persone intorno all'idea di un futuro diverso per Barra, la cui storia è scritta nelle dieci ville vesuviane, nelle monumentali chiese, nello storico corso Sirena e in tante altre bellezze che necessitano di tutela e attenzione, dalla politica così come dai cittadini, come la popolarissima festa dei Gigli.

Sarà «una radio di quartiere» - come dice Ezio Romano, coordinatore del progetto RCE - per parlare del futuro di Barra che dovrà passare inevitabilmente nella riqualificazione di diverse zone ma anche in un atteggiamento diverso di molti residenti. Ovviamente ci sarà spazio per lo sport, per il racconto delle prestazioni degli atleti e dei campioni del complesso sportivo e i microfoni saranno aperti anche agli altri personaggi del Centro Ester, oggi sempre più animato grazie agli spettacoli di teatro e alle numerose iniziative di carattere sociale, non dimenticando l'importante esperienza del passato avendo alle spalle quarant'anni di storia sportiva e non.

La gestione del Centro Ester è affidata, da settembre 2018, all’imprenditore Pasquale Corvino che ha avuto l'intuito di costruire la web radio, i cui studi sono al piano superiore della struttura in via Giambattista Vela 91, nel centro storico di Barra. Negli oltre 23mila metri quadrati ci sono una piscina, un campo da calcio e uno da calcetto, due campi da tennis, le palestre per la danza e le arti marziali e una pista di atletica. Spazio anche a pallacanestro, pallavolo e pattinaggio. Oltre al teatro con duecento posti, ci una scuola per la lingua inglese e spazi per l'intrattenimento.

A ricordare la storia e gli eventi sportivi di successo del Centro Ester sono stati diversi radioascoltatori intervenuti nella prima diretta. Parole che hanno trovato eco nell'intervento di Pasquale Corvino che ha esordito affermando: «Ho investito nel mio quartiere perché credo nelle persone di Barra», spiegando l'onere nella gestione del complesso e manifestando la passione che mette nel proprio lavoro, non nascondendo i timori e le preoccupazioni dell'enorme sfida. «Nella mia carriera sentivo di avere un debito di riconoscenza verso un quartiere che, grazie alle difficoltà, mi ha forgiato e mi ha fatto crescere con tanta tenacia» ha raccontato Corvino ai radioascoltatori facendo riferimento anche all'impegno messo in campo per la riqualificazione della palestra della scuola della zona e alla particolare attenzione verso Barra della cui storia il Centro Ester fa parte. Recentemente sono stati riattivati i servizi di riabilitazione per persone con diverse forme di disabilità con gli operatori dell'ex associazione Centro Ester, oggi parte della cooperativa sociale Madre Claudia, ospitata nella dependance di villa Spinelli.

«Speriamo che questa esperienza possa arrivare a tante persone e coinvolgere tantissimi giovani» auspica Enzo De Micco, che svela il motto: «In ascolto di te». Al momento è possibile ascoltare radio Centro Ester in streaming, attraverso il sito web e i canali social. La diretta di ieri è stata seguita da oltre 3mila ascoltatori: un buon inizio per una realtà appena nata e che ha già tanti obiettivi per i prossimi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA