Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Ogni anno un evento
per ricordare la nostra Ornella»

Giovedì 12 Maggio 2022 di Giuliana Covella
«Ogni anno un evento per ricordare la nostra Ornella»

«Giustizia è fatta e anche se mia sorella non me la restituirà nessuno, sento di dire grazie alla magistratura». Stefania Pinto parla davanti alla platea degli studenti del liceo artistico statale di largo Santi Apostoli, due giorni dopo la sentenza dei giudici della prima sezione della Corte di Assise di Napoli che hanno condannato all'ergastolo Giuseppe Iacomino, l'uomo che ha ucciso la sorella Stefania. L'occasione per commentare la decisione dei magistrati che prevede il carcere a vita per l'ex compagno di Ornella Pinto, uccisa con 13 coltellate la notte del 13 marzo 2021, è stata la due giorni Rethinking Humanity contro il furto di corpi, esseri, cultura e vita, che si conclude oggi all'istituto. Nella prima giornata si è svolta una tavola rotonda presieduta dal dirigente scolastico Valter Luca De Bartolomeis, dove oltre a Stefania Pinto, sono intervenuti Simona Cappella, presidente dell'associazione Forti Guerriere, Isabella Bonfiglio, consigliera di parità della Città Metropolitana, Rossella Paliotto, imprenditrice Fondazione Plart, Nunzia Brancati, dirigente divisione anticrimine della questura di Napoli.


Un carrozzino bianco vuoto davanti allo scalone di ingresso del liceo dove lei insegnava, ricorda il dramma di Ornella Pinto, insegnante di sostegno ammazzata a coltellate dall'ex convivente mentre dormiva, davanti agli occhi del suo bambino, D., che oggi ha 4 anni (all'epoca ne aveva 3). Una installazione che fa parte della mostra sul tema della violenza contro le donne, che sarà inaugurata oggi al pianterreno della scuola. Un'esposizione che è il frutto del workshop dell'artista Maria Thereza Alves e dei lavori realizzati dagli studenti. «Questi due giorni sono stati dedicati a mia sorella - dice Stefania davanti a un quadro che raffigura Ornella e che ha dipinto una delle allieve - dai suoi alunni, in questa scuola dove lei ha messo l'anima. Lei ci metteva il cuore, svolgeva il suo lavoro con professionalità e umiltà. Valori che ha trasmesso ai suoi studenti. Oggi a distanza di un anno mi rendo conto di ciò che mia sorella era realmente».

Video

E sulla sentenza di due giorni fa dice: «Abbiamo creduto sin dall'inizio alla giustizia, in quell'aula abbiamo trovato tanta umanità. Ornella ancora splende, anche da morta. Per questo voglio ringraziare i magistrati e soprattutto i nostri legali Valeria Pessetti e Carmine Capasso». Ora Stefania pensa al futuro del bimbo di Ornella, di cui lei è tutrice: «Ancora di più mi concentrerò su di lui ed è necessario restituirgli la serenità che gli è stata strappata perché gli è stato tolto un diritto umano, quello di essere accompagnato nella crescita dalla sua mamma». A promuovere la due giorni di dibattiti, mostre ed eventi sul tema del femminicidio è stato il preside De Bartolomeis, che ha spiegato: «Vogliamo incidere sul cambiamento sociale e culturale del territorio sul quale insistiamo attraverso l'arte. Per questo abbiamo deciso di ripetere questo evento ogni anno in sua memoria». A chiusura alle 19 si terrà un concerto in memoria di Ornella, a cura dell'orchestra del liceo musicale Margherita di Savoia.
 

Ultimo aggiornamento: 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA