Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pride Napoli 2022, migliaia in piazza per i diritti civili: «Siamo la città della resistenza»

Sabato 2 Luglio 2022 di Anna Menale
Pride

Il Napoli Pride 2022 è iniziato e tutti i pronostici si sono rivelati reali: è un Pride in cui si sente il bisogno di sensibilizzare le persone in merito agli ultimi avvenimenti di cronaca che hanno leso i diritti della comunità Lgbtqia+, dal suicidio della professoressa Bianco al Pride vietato in Turchia con gli idranti. È anche una manifestazione che riparte dopo due anni di pandemia e, per questo, si percepisce la voglia di manifestare, di scendere in piazza con le bandiere arcobaleno e di parlare con la gente, di raccontare la propria storia. 

 

«Questa è una città di resistenza», dicono i manifestanti. Ed è vero: Napoli è una città in cui il Pride non è mai morto, non si è mai fermato neanche quando era impossibile svolgerlo nella sua interezza a causa del covid. «A Napoli abbiamo fatto il Pride anche nel 2021, un Pride statico a piazza Dante», ricorda infatti Antonello Sannino, segretario di Arcigay Napoli. 

Video

Napoli è una città al fianco delle persone della comunità Lgbtqia+ e il sindaco Gaetano Manfredi dice: «Questa è una piazza colorata, di libertà, dei diritti. Il Comune è presente con tutta la sua forza per dire che Napoli è una città di libertà e di inclusione. È vicina a chi difende i suoi diritti. La libertà di espressione rappresenta un valore di democrazia che dobbiamo difendere sempre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA