Rifiuti, le spese folli della Sma: bruciati 200mila euro senza scontrini

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio e Fulvio Scarlata

  • 673
Ci hanno provato a mettere a posto le cose, in modo da evitare problemi sul fronte giudiziario. E lo hanno fatto in modo elementare, tanto per eludere i controlli della guardia di Finanza. Insomma, messi alle strette hanno denunciato di aver smarrito scontrini fiscali, dichiarazioni di spesa, acconti e certificati giustificativi. Si sono presentati alla polizia, hanno formalizzato una denuncia, nel corso della quale hanno battuto su un concetto: la scomparsa della contabilità dell'azienda negli ultimi anni, quando per contabilità si intende banalmente l'insieme di scontrini e fatture fiscali che dovrebbero giustificare le spese con la carta di credito aziendale.

Una mossa che ha attirato i riflettori della Procura di Napoli, nel corso di uno dei filoni di indagine che punta dritto alla Sma, l'azienda regionale che dovrebbe occuparsi di emergenza rifiuti (rimozione fanghi, incendi). Proprio nel pieno dell'attenzione mediatica e investigativa sulla Sma, spunta una vicenda che risale ad alcuni mesi fa, in relazione a una inchiesta (ancora aperta) che punta a fare chiarezza sulla gestione delle carte di credito, una sorta di salvadanaio aziendale che qualcuno avrebbe usato in modo quanto meno sbarazzino. Peculato e simulazione di reato, sono le indagini condotte dal pm Sergio Amato, sulla scorta delle verifiche condotte dal nucleo di polizia economico e finanziario, sotto il coordinamento del comandante Giovanni Salerno.

Qual è il punto? Stando al primo screening, i conti non tornano: ci sarebbero state spese non per motivi di servizio per circa duecentomila euro in pochi anni di gestione Sma. È questa l'accusa che viene mossa a carico di quattro indagati, dipendenti ed esponenti del settore amministrativo della società regionale, di recente raggiunti da un avviso di proroga delle indagini. Una cifra che non basterebbe a risolvere una sola delle emergenze in campo ambientale, ma che stride con gli allarmi lanciati in questi mesi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 21 Febbraio 2018, 07:08 - Ultimo aggiornamento: 21-02-2018 18:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP