Napoli, riapre la salumeria antiracket alla Duchesca: alla guida l'ex garzone di Scarciello promosso titolare

di Attilio Iannuzzo

  • 657
Scarciello riapre, lì dove aveva chiuso i battenti. L'attività era stata interrotta da Ciro, il titolare, a luglio scorso, dopo alcune denunce dell'esercente a causa di una sparatoria in cui rimasta ferita per sbaglio una bambina di 10 anni. 

Oggi, ad aprire l’attività, il ragazzo che ha lavorato in quella bottega da commesso per otto anni. Il gruppo degli ambientalisti napoletani propone una convenzione con la mensa del Colosimo per incentivare l’attività rimasta chiusa in tutti questi mesi.

«Abbiamo già sentito Antonio Cafasso, responsabile della mensa del Colosimo, - ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli - ottenendo la disponibilità a riavviare il discorso intrapreso e poi interrotto con Scarciello perché vogliamo aiutare Alessio De Martino che ha deciso di riaprire quella salumeria in cui ha lavorato per otto anni come garzone».

«Alessio - continua Borrelli - ci ha confermato che Scarciello non aveva più voglia di tenere aperta quella salumeria, ora, al di là di tutte le possibili polemiche, è importante che quella salumeria sia stata riaperta ed è bello che a riaprirla sia stato proprio chi in quell’attività ha lavorato negli ultimi otto anni, non ricevendo, tra l’altro, tutto quanto gli era dovuto».
Giovedì 14 Dicembre 2017, 18:20 - Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre, 09:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP