Ugo Russo, baby rapinatore ucciso a Napoli: sfida alle istituzioni, riecco le scritte cancellate

Giovedì 8 Aprile 2021 di Valentino Di Giacomo
Ugo Russo, baby rapinatore ucciso a Napoli: sfida alle istituzioni, riecco le scritte cancellate

È diventata ormai una sfida: colpo su colpo, simbolo contro simbolo. In via Orsini, lì dove 13 mesi fa trovò la morte il 15enne Ugo Russo nel tentativo di rapinare un carabiniere fuori servizio con una pistola-replica, era sorto un altarino abusivo per commemorare il giovane. Scritte sui muri, una foto su una tabella pubblicitaria, dei collage che il Comune - tardivamente - aveva coperto con dei fogli bianchi. É durato appena un giorno il...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA