MANN e Università Federico II, rinnovato l'accordo tra museo e ateneo

La rete tra i due enti va avanti da otto anni e ha portato ottimi risultati

Il rettore della Federico II Matteo Lorito, il direttore del MANN Paolo Giulierini e altri membri dell'intesa ateneo-museo
Il rettore della Federico II Matteo Lorito, il direttore del MANN Paolo Giulierini e altri membri dell'intesa ateneo-museo
Martedì 24 Gennaio 2023, 15:42
3 Minuti di Lettura

Didattica, arte, tecnologia, urbanistica e green economy: la collaborazione tra il MANN e l'Università degli Studi di Napoli Federico II compie otto anni e guarda al futuro.

Con un focus sempre incentrato sulla formazione dei giovani e sulla sperimentazione applicata al management dei beni culturali.

Video

E con una novità in vista: nel 2024, per l'anniversario della fondazione dell'Ateneo, sarà proprio il Museo Archeologico Nazionale di Napoli a ospitare una mostra dedicata al ruolo innovatore di Federico II e all'arte dei Normanni.

Soddisfatto il commento del Direttore dell'Archeologico Paolo Giulierini: «Al MANN le competenze dell'Università costruiscono il museo del futuro: è il modello che da anni stiamo sperimentando con la Federico II grazie a una rete fittissima di preesistenti collaborazioni che sono diventate nel 2019 "Mann in campus". Un percorso che sta incidendo nella vita reale del Museo, integrato alla sua crescita, con idee e ricerca che diventano cantieri, nuove sezioni, standard legali per l' importante attività internazionale del MANN, principale prestatore italiano di opere archeologiche e molto altro ancora: dallo studio del food che servirà il nuovo ristorante, a quello delle piante nei giardini storici fino alla comunicazione dell'immagine del Museo sul territorio, al suo impatto nel quartiere della cultura che insieme stiamo immaginando. Crediamo sia questa - continua Giulierini - la strada da percorrere, anche per rispondere alla richiesta di nuove professionalità, e quindi di formazione da fare in campo, figure queste che devono rafforzare le "squadre" dei musei per una più moderna valorizzazione dell'immenso tesoro italiano. Grazie alla Federico II per questo straordinario percorso inaugurato con il Rettore Manfredi e proseguito con sempre nuovi stimoli con il Rettore Lorito. E, per festeggiare gli 800 anni della più antica università pubblica del mondo, il maggior centro di ricerca del mezzogiorno, siamo già al lavoro per organizzare la grande mostra Federico e i Normanni».

«Il legame tra il MANN e l'Ateneo Federiciano è diventato un caso studio perché a livello italiano la rete fra accademia e museo è del tutto innovativa. Si mettono insieme ampiezza, concretezza e varietà dei temi; la collaborazione unisce dieci dipartimenti diversi. Andiamo non solo verso il Museo del futuro, ma anche verso l'Università del futuro» afferma il Rettore Matteo Lorito.

Video

Chiave di volta della rete tra Museo e Ateneo è il protocollo «MANN in Campus» che, oggi al primo rinnovo dal 2019, ha rappresentato un vero e proprio trait d'union fra le numerose iniziative in programma: un percorso teorico-pratico che ha permesso a docenti e allievi di immaginare nuovi modelli gestionali per salvaguardia e valorizzazione del patrimonio archeologico

© RIPRODUZIONE RISERVATA