Bonifica di Bagnoli al palo, i sindacati scrivono al ministro Lezzi

I segretari generali Cgil Cisl Uil di Napoli, Walter Schiavella, Gianpiero Tipaldi e Giovanni Sgambati, con una nota inviata al ministro Barbara Lezzi, hanno espresso la loro preoccupazione «per la fase di incertezza che si sta determinando sul progetto di recupero del sito di Bagnoli, in relazione alla necessità di garantire le risorse necessarie alla bonifica integrale, di superare l'empasse nella nomina del nuovo commissario e soprattutto sulla necessità di un pieno coinvolgimento della cittadinanza e delle forze sociali nell' attuazione del piano previsto dall'intesa interistituzionale».

L'attuazione del piano per Bagnoli, il recupero di Napoli Est e delle periferie, insieme alla realizzazione della ZES sono ritenuti, da Cgil Cisl Uil di Napoli, «elementi essenziali per il necessario rilancio produttivo della città e dell'intero Mezzogiorno». «Sotto questo punto di vista secondo Schiavella, Tipaldi e Sgambati - appare assurda la cancellazione dei fondi già assegnati dal piano periferie e inaccettabile il ritardo nella nomina dei componenti di competenza ministeriale nel comitato di indirizzo della ZES». «Su questi elementi - conclude la nota - si misurerà nell'immediato la reale attenzione del governo sul Mezzogiorno».
Venerdì 7 Settembre 2018, 14:47 - Ultimo aggiornamento: 07-09-2018 18:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP