Cos'è il G20, chi partecipa e quali sono i temi all'esame a Napoli

Mercoledì 21 Luglio 2021
Cos'è il G20, chi partecipa e quali sono i temi all'esame a Napoli

Il G20 è il foro internazionale che riunisce le principali economie del mondo. I Paesi che ne fanno parte rappresentano più del 80% del Pil mondiale, il 75% del commercio globale e il 60% della popolazione del pianeta. Si tiene ogni anno dal 1999 e dal 2008 prevede lo svolgimento di un vertice finale, con la partecipazione dei Capi di Stato e di Governo. 

Oltre al vertice, durante l'anno di presidenza si svolgono ministeriali, incontri degli sherpa, riunioni di gruppi di lavoro ed eventi speciali. I Paesi membri sono: Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, India, Indonesia, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sud Africa, Turchia e Unione Europea. A questi si aggiunge la Spagna, che è un invitato permanente del G20. Ogni anno, la presidenza invita alcuni altri Paesi, che partecipano a pieno titolo ai lavori del G20, in qualità di ospiti. Vi partecipano inoltre diverse organizzazioni internazionali e regionali, conferendo al foro una rappresentatività ancor più ampia. 

Video

Il G20 del 2021 si svolge sotto la presidenza italiana, il focus è incentrato su tre pilastri interconnessi di azione: persone, pianeta e prosperità. È il G20 di un pianeta alle prese con la pandemia da Covid-19 e con i danni profondi che questa ha causato, incidendo negativamente sui sistemi sanitari, sugli indici di povertà e sull'andamento dell'economia globale, ed evidenziando che, nell'epoca in cui viviamo, i problemi locali possono rapidamente trasformarsi in sfide globali. Non si può quindi prescindere da soluzioni comuni, che ci consentano davvero di ricostruire meglio, adottando tecnologie e strumenti innovativi per assicurare una crescita più verde e resiliente. In tale ottica, impegno dichiarato di questo G20 è di lavorare per assicurare una rapida risposta internazionale alla pandemia che garantisca un accesso equo e universale a diagnosi, terapie e vaccini, e per rafforzare la resilienza globale alle crisi sanitarie del futuro; assicurare una ripresa veloce, incentrata sulle necessità delle persone, con un'attenzione particolare alla tutela dei soggetti e dei Paesi più vulnerabili, all'empowerment femminile, al ruolo dei giovani. Significa sostenere il lavoro, la protezione sociale, la sicurezza alimentare.

 

È il G20 del rilancio, un rilancio più efficiente, fondato anche su un migliore impiego delle energie rinnovabili e un chiaro impegno alla protezione della stabilità climatica e dell'ambiente, «prerequisiti essenziali per una prosperità durevole». Il G20 si sta adoperando per colmare il divario digitale, rendere la digitalizzazione un'opportunità per tutti, aumentare la produttività e non lasciare nessuno indietro.

Ultimo aggiornamento: 10:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA