Elezioni a Napoli, la mappa del voto: Scampia unica roccaforte M5S, è l'effetto reddito di cittadinanza

Mercoledì 6 Ottobre 2021 di Valerio Esca
Elezioni a Napoli, la mappa del voto: Scampia unica roccaforte M5S, è l'effetto reddito di cittadinanza

Il Pd sbanca il fortino rosso di San Giovanni con percentuali bulgare, il M5s tiene solo nei quartieri popolari grazie all'effetto reddito di cittadinanza, ma non sfonda tra la borghesia, dove invece è boom per la lista del candidato sindaco Gaetano Manfredi. Se si vanno a spulciare i voti di lista, quella verde dell'ex rettore guida la coalizione in quattro Municipalità su dieci. Quattro se le aggiudica il Pd e soltanto due il M5S, che in città è infatti il terzo partito. Nella debacle del centrodestra, qualche sparuto sprazzo di luce arriva da Forza Italia, che resiste a Chiaia e a Napoli nord. A tirare la carretta di Antonio Bassolino soltanto la sua civica Bassolino per Napoli, che tra Chiaia-Posillipo e Vomero-Arenella dà segni di vita. La coalizione di Alessandra Clemente fuori dai radar. 

Nella prima Municipalità, storicamente fortino del centrodestra, irrompe la lista del candidato sindaco che arriva a quota 13,81%. Resiste nell'ormai ex roccaforte Forza Italia (11,11%), che arriva davanti al Pd (10,26%); Fratelli d'Italia tocca quota 5,89%. Bassolino per Napoli (5,66%) arriva davanti al M5S (5,22%), nonostante il presidente della Camera Roberto Fico sia un posillipino doc. Gli ex forzisti, Azzurri Per Napoli-Noi sud-Napoli viva toccano quota 4,9%.

Nel cuore del centro storico di Napoli, seconda Municipalità, è sempre Manfredi in testa, con la sua civica verde (12,72%); seguito dal Pd (9,18%), M5S (8,37%), Fi (5,53%), Europa Verde (5,44%), Napoli libera (5,26%), Napoli solidale (5,24%). Bassolino riesce a superare la soglia del 5% con la sua civica (5,83%), mentre quella della Clemente tocca quota 3,26%. Potere al popolo non arriva al 3%.

A Stella-San Carlo all'Arena arriva davanti il Pd (12,73%), trainato dalle 2258 preferenze di Gennaro Acampora, il più votato a Napoli. Acampora, consigliere municipale uscente, ha preso da solo la metà dei voti di tutta la lista democrat (48,99%). Staccate di due punti percentuali le liste del M5S (10.65%) e Manfredi sindaco (10,47%). Dietro la lista Azzurri per Napoli-Napoli viva (7,91%), Napoli solidale (5,2%), Fi (5,12%) e la civica deluchiana, Napoli libera (4,9%).

Anche a San Lorenzo-Vicaria-Poggioreale-Zona industriale (quarta Municipalità) si piazza primo Manfredi sindaco (10,84%), poco più avanti del M5S (10,38%) e del Pd (9,47%). Nel centrodestra Fi (5,17%) avanti, con FdI sulla scia (4,61%).

È nella quinta Municipalità, Vomero-Arenella, che l'ex rettore ed ex ministro dell'Università porta a casa il risultato più lusinghiero. La lista civica di diretta emanazione di Manfredi raggiunge il 15,15%, staccato il Pd a 11,17%. Male al Vomero il M5S che si aggiudica meno della metà delle preferenze della lista del candidato sindaco e la metà rispetto ai democrat. I grillini si fermano nella zona collinare al 6%. La lista Clemente sindaco, nel feudo di de Magistris e della stessa ex assessore ai Giovani, non supera il 3,26%. Male tutto il centrodestra, resiste soltanto FdI con il 4,7% e Fi al 4,27%.

Video

La sesta Municipalità si conferma roccaforte rossa. Il Pd riconquista San Giovanni-Barra-Ponticelli con un netto 24,29%, potendo contare su due portatori di voti come Salvatore Madonna e Aniello Bobò Esposito, che rientrano in Consiglio comunale per la terza volta. Bene anche il M5S che si attesta sul 13,82%. Poco spazio per la lista del candidato sindaco, che a Napoli est non sfonda (4,66%). Ottima affermazione di Fi con un 7,39%.

A Napoli nord a fare la voce grossa sono i 5 Stelle. Nei quartieri di Scampia, Secondigliano, Miano, Piscinola, Marianella, pesa nel risultato elettorale il reddito di cittadinanza. Nella settima Municipalità i grillini arrivano al 14,99%, seguiti da Fi 11,16%, Pd e Azzurri per Napoli (10,22%). Nell'ottava il M5S si attesta al 11,77%, con Fi poco dietro (11,74%).

A Soccavo-Pianura il primo partito è il Pd (12,91%), staccato M5S (8,89%). Nella decima Municipalità, Fuorigrotta-Bagnoli è testa a testa tra il Pd (11,5%) e Manfredi sindaco (10,83%).

Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre, 07:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA