Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Governo, Manfredi: «Un grave errore farlo cadere, serve coesione»

Giovedì 21 Luglio 2022
Governo, Manfredi: «Un grave errore farlo cadere, serve coesione»

«Credo che sia stato un grave errore far cadere il Governo in una fase cosi difficile per la congiuntura internazionale, per la situazione economica molto difficile che tenderà ad aggravarsi in autunno, per la necessità di rispondere ai nostri impegni europei e di portare avanti il Pnrr che è subordinato a una sere di riforme che l'Italia si era impegnata a realizzare». Lo ha detto all'Ansa il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, commentando la caduta del Governo Draghi, «mi auguro che in questo momento ci sia coesione e che si lavori per un'offerta politica per le elezioni che abbia grande attenzione ai temi sociali, al lavoro e al lavoro povero e soprattutto che metta al centro il Sud che è la grande sfida del Paese».

«Sono stato in contatto con i leader nazionali ed ho manifestato più volte le mie preoccupazioni per questa situazione che sicuramente non aiuta chi deve governare sui territori». Così ha risposto il sindaco di Napoli alla domanda se avesse sentito il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta. «Credo che l'amministrazione sia più che mai solida. Noi dobbiamo pensare al bene dei cittadini e all'interesse di una città così importante d'Italia che deve essere ben amministrata anche perché siamo in una fase molto importante e delicata per la città».

Video

Così Manfredi, rispondendo alla domanda se la crisi di governo e la rottura tra Pd e M5s possa avere ripercussioni sulla vita dell'amministrazione comunale di Napoli sostenuta e composta da una maggioranza Pd- M5s. «Adesso il tema è anche definire una base programmatica per le elezioni nazionali che tenga conto dei bisogni delle città - ha aggiunto - questo i sindaci lo hanno più volte sottolineato perché sono grandi bisogni sociali, di servizi, problemi nelle periferie, problematiche legate all'educazione e alle marginalità. Chiunque si presenti alle elezioni deve tener conto dei problemi dei cittadini e delle città», ha concluso

© RIPRODUZIONE RISERVATA