Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Mann la mostra «Braille e non solo» promossa dall'unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti in rete

Giovedì 17 Febbraio 2022
Al Mann la mostra «Braille e non solo» promossa dall'unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti in rete

Arte che supera le barriere: è in programma al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, da sabato 19 a lunedì 28 febbraio, la mostra «Braille e non solo», promossa dall'unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti in rete con i servizi educativi del Mann.

L'allestimento presenta ventiquattro scatti realizzati durante il corso triennale «Bambini fotografi»: gli educatori, nel team condotto da Marzia Bertelli, hanno guidato ragazzini dai 7 ai 15 anni, con disabilità visiva, a scoprire la disciplina che, forse più di altre, si basa sulla forza dell'immagine. Com'è stato possibile aiutare gli allievi a fare squadra e realizzare gli scatti? La mostra, non a caso organizzata in occasione della XVesima Giornata nazionale del Braille, enfatizza il valore della didattica e degli strumenti di supporto ai piccoli discenti: le fotografie, infatti, sono accompagnate da didascalie in formato audio e, naturalmente, da trascrizioni in Braille. I presupposti educativi giungono sino ad un certo punto: importante, nel percorso, percepire lo spirito di gruppo, che è la prima forma di promozione dell'accessibilità fisica e cognitiva al patrimonio culturale.

Video

L'esposizione «Braille e non solo» risponde all'impegno che il Museo Archeologico Nazionale di Napoli dedica, da tempo, all'interazione con diversi tipi di pubblico: laboratori e attività didattiche con soggetti affetti da disabilità visiva hanno portato a fare rete con diverse realtà, anche non campane, come il Museo Omero, Museo tattile statale. I dispositivi tattili presenti nelle sale limitrofe alla sezione Preistoria e in collezione Magna Grecia rappresentano strumenti fondamentali per valorizzare e comunicare i tesori del Mann. In allegato: un'immagine degli allievi coinvolti nel progetto «Bambini fotografi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA