Teatro San Carlo, Mark Elder sul podio dell'orchestra per la prima volta

Teatro San Carlo, Mark Elder sul podio dell'orchestra per la prima volta
Mercoledì 7 Settembre 2022, 15:28
3 Minuti di Lettura

Riparte venerdì 9 settembre alle ore 20 la Stagione di Concerti 2021-2022 del Teatro di San Carlo con Sir Mark Elder per la prima volta alla guida dell’Orchestra del Massimo napoletano. In programma «Scherzo fantastique», Op. 25 di Josef Suk, «Jeu de cartes» di Igor Stravinskij e la Sinfonia n. 8 in sol maggiore, «Inglese» (op. 88) di Antonín Dvořák. Ad aprire il concerto «Scherzo fantastique», Op. 25 di Josef Suk, composto nel 1903, tra gli ultimi lavori del compositore eseguito per la prima volta al Conservatorio di Praga il 18 aprile 1905. Il brano è caratterizzato da un’atmosfera malinconica che evoca il folklore musicale ceco. A seguire «Jeu de cartes» di Igor Stravinskij partitura composta nel 1936 e appartenente al periodo neoclassico dell’autore di cui incarna caratteri e motivi in maniera emblematica.  «Jeu de cartes» è ricco di citazioni da opere di altri compositori, come Gioachino Rossini e Johann Strauss. Chiude il programma la Sinfonia n. 8 in sol maggiore, «Inglese» (op. 88) di Antonín Dvořák, eseguita per la prima volta nel 1890 a Praga, sotto la direzione dell'autore.

La sinfonia ebbe subito buona accoglienza nelle capitali musicali europee, in particolare a Londra, città che predilesse l'Ottava fra tutte le Sinfonie di Dvorák. Sir Mark Elder è stato direttore musicale della «Hallé» dal settembre 2000 e da settembre 2022 è direttore ospite principale dell'Orchestra Filarmonica di Bergen. Nel corso della sua carriera è stato direttore musicale della English National Opera, direttore ospite principale della Città di Birmingham Symphony Orchestra e Direttore Musicale della statunitense Rochester Philharmonic Orchestra. È stato direttore ospite principale della BBC Symphony Orchestra e ha collaborato con orchestre come Berliner Philharmoniker, Orchestre de Paris, Chicago Symphony, Boston Symphony, Royal Concertgebouw di Amsterdam, Budapest Festival Orchestra e London Philharmonic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA